2 Robot “Made in Italy” per Amazon

Si tratta di due progetti di ricerca, uno del Politecnico di Torino e uno del Centro di Ricerca dell’Università di Pisa, entrambi italiani dunque che partiranno a Seattle per la finale di una competizione a livello mondiale che vede 30 finalisti, tra i quali anche i nostri due italiani.

Competizione indetta da Amazon, il colosso del commercio elettronico, in vista del proprio ammodernamento dei magazzini centrali, dai quali ogni giorno partono milioni di pacchi per spedizioni di prodotti in tutto il mondo.

Lo scopo della gara da parte di Amazon era quello di stimolare la ricerca tecnologica in materia di robotica, inoltre il vincitore della gara avrà anche un compenso in denaro, ma sopratutto Amazon assicura che tutto il software che verrà prodotto sarà reso Open Source, quindi disponibile a tutta la comunità scientifica mondiale.

Una soluzione, spiega all’ANSA uno dei ricercatori del Politecnico, Manuel Del Verme, che impiega un robot Comau per realizzare un “braccio” che si muove in sei dimensioni e che ha due “mani”, una delle quali non ancora vista in commercio.

Per l’altro progetto invece: “Il nostro punto di forza – spiega all’ANSA Manolo Garabini, ricercatore dell’ateneo toscano – è la mano del nostro robot”, che “ha tutti i gradi di libertà di una mano umana” e “un singolo motore che muove tutte le falangi permettendole di adattarsi a oggetti molto differenti”.

Su Youtube appare anche un video prototipo del progetto di Pisa, dal quale si può notare il funzionamento.


Author

L'autore

Dario Fadda alias {Nuke}

Da sempre appassionato di informatica e del mondo open-source nel 2003 ho fondato il portale Spcnet.it per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo dei computers, con particolare attenzione alle tematiche di Sicurezza informatica, Malware e Ransomware, ma anche guide di Programmazione e utili suggerimenti per tutte le fasce di interesse.
Dal 2006 sono membro del Gulch (Gruppo Utenti Linux Cagliari), con cui cerco di dare il mio contributo attivo per eventi e LinuxDay.
Su Twitter segnalo e condivido nuovi Phishing pericolosi con approfondimenti sul Bank Security.

Ho ideato Hacker Alert per effettuare ricerche di vulnerabilità e phishing in tempo reale.

Praticamente per tutto ciò che scopro e che è degno di nota ne condivido il codice sorgente su Git Hub.
Per tutto il resto c'è Dario Fadda .it che contiene "quasi" tutto di me.

Currently there are no comments, so be the first!
intopic.it