Build 2016: annunciato Ubuntu su Windows 10

Dustin Kirkland, direttore Strategie di Prodotto a Canonical, presente al Microsoft Build 2016, conferenza per sviluppatori che si svolge questa settimana a San Francisco, tra il 30 marzo e il 1 Aprile 2016, è stato orgoglioso di annunciare il progetto “Ubuntu su Windows”.

Tutti parlano oggi circa le voci di ZDNet che ha iniziato la questione di una nuova, segreta collaborazione tra Canonical e Microsoft per portare la shell di Ubuntu su Windows 10, nativamente integrato in una console cmd.exe di Windows 10, e indovinate un po? Le voci si sono dimostrate essere vere, dopo tutto.

Canonical ha appena annunciato Ubuntu su Windows, un nuovo progetto realizzato in collaborazione con Microsoft per portare lo spazio utente di Ubuntu per la piattaforma Windows 10, per gli sviluppatori di Windows che lavorano su applicazioni cross-platform, aiutandoli a essere più produttivi.

“Ho intrapreso un super segreto (e del tutto sconvolgente!) progetto tra Microsoft e Canonical, come presentato oggi in una demo durante il keynote di apertura di Kevin Gallo della conferenza Build 2016”, ha detto Dustin Kirkland. “Viene inserito uno spazio utente e bash shell Ubuntu, in modo nativo, in una console cmd.exe di Windows 10!”

Ecco come funziona Ubuntu su Windows

ubuntu

Un progetto davvero interessante, ma non troppo entusiasta, perché, come detto prima, è utile solo per gli sviluppatori che vogliono essere più produttivi lavorando su applicazioni cross-platform, sia su Windows che su Linux  e non hanno il tempo di passare tra diversi sistemi operativi.

In sostanza, se si utilizza Windows 10 per sviluppare applicazioni cross-piattaform, col progetto “Ubuntu su Windows 10” sarete in grado di accedere alla shell bash Linux direttamente dal menu Start di Windows. Basta digitare “bash” (senza virgolette), premere Invio, e si aprirà una console cmd.exe, che esegue il binario / bin / bash da Ubuntu.

Il progetto attualmente offre agli utenti l’accesso completo a tutti nello spazio utente di Ubuntu, così come decine di migliaia di pacchetti binari disponibili nei repository di Ubuntu, tra i quali ma non solo, i comandi comeapt, ssh, rsync, find, grep, vim, emacs, awk, sed, ruby, tar, sort, php, mysql, perl, python, wget, md5sum, gpg, curl, apache, gcc, diff, così come già li conosciamo.

“La disponibilità nativa di un completo ambiente Ubuntu su Windows, senza virtualizzazione o emulazione, è una pietra miliare che sfida convenzione e un gateway per un territorio affascinante e sconosciuto,” ha dichiarato Mark Shuttleworth, CEO di Canonical. “Tuttavia, siamo felici di stare dietro Ubuntu per Windows, impegnati ad affrontare le esigenze degli sviluppatori di Windows che esplorano Linux in questo incredibile modo nuovo.”

Perchè non usare direttamente Ubuntu?

E questo è ciò che il progetto super-segreto “Ubuntu su Windows” sembra, per ora, e ad essere onesti, non capiamo il motivo per il quale ne abbiamo bisogno. OK, serve per aiutarti a essere più produttivi durante lo sviluppo di applicazioni cross-platform, ma perché non usare una vera e propria macchina Ubuntu o, almeno, una macchina virtuale con Ubuntu Linux su Windows.

Oppure, perché non dual boot di Windows 10 con Ubuntu come molti sviluppatori fanno tuttora. Beh, la verità è che si è liberi di utilizzare quello che vuoi, quando vuoi. Nessuno obbliga l’utilizzo di Windows 10 con la bash Ubuntu che viene eseguita in modo nativo, e si può sempre contare sulla propria macchina a pieno titolo Linux, con tutte le sue grandi caratteristiche, sempre gratuitamente!

Avvia una discussione su questo tema per coinvolgere i lettori con le tue opinioni