278.531 Dati di utenti Instacart in vendita sul Darkweb

278.531 Dati di utenti Instacart in vendita sul Darkweb

Gli specialisti della sicurezza informatica segnalano una presunta violazione dei dati presso Instacart, una società americana di servizi di consegna di alimenti. Apparentemente, le informazioni di centinaia di migliaia di utenti sono in vendita su dark web, riporta BuzzFeedTra i dati compromessi ci sono i nomi, le ultime quattro cifre delle carte di pagamento, la cronologia degli ordini, etc. Inoltre, i record sembrano essere recenti, anche di questa settimana.

Per un paio di giorni, due utenti hanno pubblicato su forum darkweb annunci pubblicitari sulla vendita di almeno 278.531 account, sebbene i ricercatori ritengano che alcuni account possano essere trovati più di una volta. Nonostante le affermazioni dei presunti hacker, la società nega di aver subito una violazione dei dati.

Secondo quanto riferito, le informazioni vengono vendute per circa due dollari per account; questi annunci sono stati rilasciati per la prima volta lo scorso giugno, mentre le informazioni sono state aggiornate l'ultima volta il 22 luglio. 

In una dichiarazione, Instacart ha osservato: "Non siamo a conoscenza di incidenti relativi alla violazione dei dati. Proteggere le informazioni dei nostri clienti è una questione molto seria per noi." Inoltre, l'azienda menziona che gli utenti possono anche essere attaccati al di fuori della loro piattaforma utilizzando campagne di phishing o riempimento di credenziali.

Nick Espinosa, direttore della società di sicurezza informatica Security Fanatics, ha dichiarato:

"Abbiamo esaminato alcuni dei conti elencati e tutto sembra indicare che l'incidente è recente e completamente legittimo". 

Inoltre, due utenti hanno confermato che le loro informazioni personali erano state compromesse, menzionando che le date e le quantità dei loro ordini più recenti corrispondevano alle informazioni esposte su dark web.

"Non so cosa dire, mi è stato detto che è difficile sapere se ciò è accaduto a causa della negligenza dell'azienda o di altri fattori", ha dichiarato Hanna Chester, uno degli utenti interessati. 

Chester afferma di aver contattato l'area del servizio clienti dell'azienda, dove è stato informato che, sebbene l'incidente non fosse stato confermato, sarebbe stato probabilmente annunciato in seguito.  

L'altro utente interessato, che ha preferito non rivelare il proprio nome, afferma di aver deciso di cancellare il suo account Instacart dopo l'incidente, poiché ha smesso di fare affidamento su questo servizio: “Questa è una situazione molto sfortunata, ritengo che la società abbia perso sensibilità per informare gli utenti dell'incidente."  

Posted on