Anonymous abbatte il sito del dipartimento di polizia di Atlanta dopo aver sparato alla polizia

Anonymous abbatte il sito del dipartimento di polizia di Atlanta dopo aver sparato alla polizia

In seguito alle fatali sparatorie della polizia di venerdì contro Rayshard Brooks - un uomo nero di 27 anni che si è addormentato in una corsia di fast-food ad Atlanta e è stato colpito mentre scappava dalla polizia che ha cercato di rintracciarlo - gli hacker si sono affiliati ad Anonymous il collettivo hacktivista che avrebbe rimosso il sito web per il dipartimento di polizia della città.

Secondo l' Atlanta Journal-Constitution, il sito dell'APD è rimasto inattivo per circa 3 ore domenica mattina.

L'AJC riferisce che l'interruzione è avvenuta intorno alle 8:30 del mattino, a seguito di un annuncio da un account Twitter marchiato Anonymous USA.

Naturalmente, la connessione tra un avvertimento con marchio anonymous e un'interruzione potrebbe essere una semplice coincidenza. Non sappiamo cosa abbia davvero abbattuto il sito. Potrebbero essere stati degli hacktivisti che hanno scatenato un attacco DDoS (Distributed Denial of Service), un attacco di traffico web che ha inondato il sito sulla scia di un altro omicidio della polizia degno di nota, o qualcosa di semplice come un errore del server.

Come spiega l'account Anonymous USA stesso:

#Anonymous non è un gruppo, non un'organizzazione. Anonymous è un'idea. Chiunque può unirsi a noi. Non esiste un account ufficiale.

Indipendentemente da quanto sia amorfa l'"idea" anonima e da quanto sia incerta dare credito al gruppo hacktivista, questo potrebbe non essere il primo sciopero che viene dagli hacker affiliati ad Anonymous con simpatia per il movimento BLM.

Il 25 maggio, l'uccisione di George Floyd durante la custodia della polizia di Minneapolis ha suscitato proteste e indignazione a livello internazionale. Tre giorni dopo, gli hacker anonimi hanno pubblicato un video che minacciava di "esporre i molti crimini" della polizia di Minneapolis.

Il sabato seguente, il sito di Minneapolis PD e il sito della città madre di Minneapolis apparentemente avrebbero subito un attacco DDos che è durato, sporadicamente, almeno fino a domenica mattina.

Come riportato all'epoca da Variety, l' account Twitter di @LatestAnonNews - che sostiene di essere gestito da "più Anon" - non si è esplicitamente preso in considerazione per le interruzioni di Minneapolis. Tuttavia, ha ritwittato i post che collegavano Anonymous a BLM e #GeorgeFloydProtests.

Subito dopo l'uccisione di Floyd, quando le proteste iniziali si concentrarono a Minneapolis, il governo del Minnesota Tim Walz affermò che le reti statali erano state sottoposte a "un attacco di negazione del servizio molto sofisticato su tutti i computer statali". Tali attacchi non richiedono molta abilità, tuttavia, e possono essere lanciati con facilità tramite pulsante o semplicemente noleggiati da un servizio DDoS a noleggio.

Ad ogni modo, in seguito all'uccisione di Rayshard Brooks di venerdì, gli hacker affiliati ad Anonymous - o, forse, gli hacker in sintonia con BLM, o eventuali hacker che sfruttano il clima di rabbia - potrebbero aver rivolto la loro attenzione al sito web del Dipartimento di Polizia di Atlanta (APD).

Posted on
Author

L'autore

Dario Fadda alias {Nuke}

Da sempre appassionato di informatica e del mondo open-source nel 2003 ho fondato il portale Spcnet.it per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo dei computers, con particolare attenzione alle tematiche di Sicurezza informatica, Malware e Ransomware, ma anche guide di Programmazione e utili suggerimenti per tutte le fasce di interesse.
Dal 2006 sono membro del Gulch (Gruppo Utenti Linux Cagliari), con cui cerco di dare il mio contributo attivo per eventi e LinuxDay.
Su Twitter segnalo e condivido nuovi Phishing pericolosi con approfondimenti sul Bank Security.

Ho ideato Hacker Alert per effettuare ricerche di vulnerabilità e phishing in tempo reale.

Praticamente per tutto ciò che scopro e che è degno di nota ne condivido il codice sorgente su Git Hub.
Per tutto il resto c'è Dario Fadda .it che contiene "quasi" tutto di me.