Apple Siri sta nuovamente registrando le nostre intime conversazione per inviarle a società terze

Apple Siri sta nuovamente registrando le nostre intime conversazione per inviarle a società terze

Un nuovo scandalo sulla privacy incombe su Apple, grazie a Thomas Ie Bonniec, un ex appaltatore dell'azienda che ha rivelato come la società ha raccolto milioni di campioni di domande al suo assistente vocale Siri per un "progetto di qualificazione" che mirava a migliorare l'accuratezza di questo software, riportano gli esperti da un corso di hacking.

Qualche mese fa l'appaltatore ha rivelato al Guardian che, mentre lavorava per Apple, ascoltava registrazioni private (anche intime) degli utenti Siri; le consultazioni includevano argomenti come discussioni mediche, attività criminali e conversazioni di sesso e affari.

Vale a dire Bonniec ha rilasciato queste dichiarazioni in forma anonima, anche se alla fine ha deciso di rivelare la sua identità in segno di protesta per le conseguenze nulle che questa attività di monitoraggio degli utenti ha comportato per Apple.

"Posso dire che non ci sono molti documenti su chi lavora a quel progetto, inoltre la quantità di dati a cui i dipendenti e gli appaltatori Apple possono accedere è estremamente sostanziale", ha dichiarato Ie Bonniec lo scorso luglio. Gli esperti del corso di hacking menzionano che Apple è stata consultata in più occasioni, sebbene la società non ne abbia parlato.

La lettera scritta dall'ex appaltatore (e inviata a tutte le organizzazioni di protezione dei dati in Europa) menziona: "È davvero preoccupante che Apple e altre società simili continuino a ignorare le leggi sulla protezione dei dati e violi la privacy degli utenti con queste campagne di raccolta di dati di massa".

Vale a dire Bonniec era estremamente preoccupato per il modo in cui i giganti della tecnologia intercettano le comunicazioni di milioni di utenti anche se la legislazione sulla protezione delle informazioni ha fatto passi da gigante (con l'implementazione del GDPR, ad esempio). "Sembra che approvare una legge non sia sufficiente per fermare coloro che violano la privacy degli utenti", ha aggiunto l'ex appaltatore.

Vale a dire Bonniec ha lavorato come subappaltatore negli uffici di Apple, dove ha avuto accesso a migliaia di domande a Siri (in inglese e francese) fino alle sue dimissioni nel 2019, citate dagli esperti del corso di hacking. "Questa squadra opera al di fuori del morale e della legge e opera su larga scala da anni."

Secondo l'Istituto Internazionale di Cyber ​​Security (IICS) , Apple ascolta migliaia di registrazioni di query su Siri ogni giorno e da una varietà di dispositivi, tra cui iPhone, Apple Watch o iPad (in breve, qualsiasi dispositivo che include l'assistente vocale) . Inutile dire che la società non ha l'autorizzazione esplicita degli utenti per raccogliere questi record.

Quando Ie Bonniec ha rivelato queste informazioni, Apple ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava che avrebbe implementato alcune modifiche a Siri a favore della privacy degli utenti, anche se queste modifiche potrebbero non essere state sufficienti.

Posted on

Author L'autore

Dario Fadda alias {Nuke}

Da sempre appassionato di informatica e del mondo open-source nel 2003 ho fondato il portale Spcnet.it per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo dei computers, con particolare attenzione alle tematiche di Sicurezza informatica, Malware e Ransomware, ma anche guide di Programmazione e utili suggerimenti per tutte le fasce di interesse.
Dal 2006 sono membro del Gulch (Gruppo Utenti Linux Cagliari), con cui cerco di dare il mio contributo attivo per eventi e LinuxDay.
Su Twitter segnalo e condivido nuovi Phishing pericolosi con approfondimenti sul Bank Security.

Ho ideato Hacker Alert per effettuare ricerche di vulnerabilità e phishing in tempo reale.

Praticamente per tutto ciò che scopro e che è degno di nota ne condivido il codice sorgente su Git Hub.
Per tutto il resto c'è Dario Fadda .it che contiene "quasi" tutto di me.