Linkedin si organizza con l’analisi del traffico

Linkedin si organizza con l’analisi del traffico

LinkedIn, il social network per il mondo lavorativo, sta portando avanti una missione di accrescimento per il proprio insieme di funzioni e strumenti a disposizione delle persone che stanno cercando lavoro o che semplicemente si collegano a esso. Una di queste è l’integrazione di una piattaforma che metta in grado le persone di pubblicare e condividere posts riguardanti temi di vita privata, di lavoro o di professionalità specifiche, con una caratteristica: un nuovo strumento di analisi con il quale gli autori dei post possono tracciare completamente tutto il traffico che i propri posts ricevono.

Se tu usi LinkedIn, ti suonerà familiare la voce “Chi sta visualizzando il tuo profilo?” tramite emails e altri alert: si può pensare a questo nuovo servizio come “Chi sta visualizzando i tuoi posts?

La notizia arriva sulla scia di una crescita esponenziale per gli sforzi sviluppati da LinkedIn: lo strumento di self-publishing, che all’inizio di quest’anno è stato aperto a tutti i 230 milioni di utenti che vivono in paesi di lingua inglese, stanno attualmente vedendo 100.000 messaggi pubblicati a settimana, secondo un portavoce LinkedIn, con oltre 1,5 milioni di messaggi nel totale della piattaforma.

 

 

Posted on

Author L'autore

Dario Fadda alias {Nuke}

Da sempre appassionato di informatica e del mondo open-source nel 2003 ho fondato il portale Spcnet.it per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo dei computers, con particolare attenzione alle tematiche di Sicurezza informatica, Malware e Ransomware, ma anche guide di Programmazione e utili suggerimenti per tutte le fasce di interesse.
Dal 2006 sono membro del Gulch (Gruppo Utenti Linux Cagliari), con cui cerco di dare il mio contributo attivo per eventi e LinuxDay.
Su Twitter segnalo e condivido nuovi Phishing pericolosi con approfondimenti sul Bank Security.

Ho ideato Hacker Alert per effettuare ricerche di vulnerabilità e phishing in tempo reale.

Praticamente per tutto ciò che scopro e che è degno di nota ne condivido il codice sorgente su Git Hub.
Per tutto il resto c'è Dario Fadda .it che contiene "quasi" tutto di me.