Musica di casa, come configurare un server musicale Linux

In questo articolo, ho intenzione di concentrarmi su tutto ciò che comprende l’hardware, il software e la configurazione che occorre per impostare un server musicale basato su Linux come parte integrante del sistema di musica di casa. In particolare, uno sguardo a Raspberry Pi, Cubox-i, e Fit-PC come opzioni per ospitare il sistema musicale per una casa digitale.

Console stereo vs. impianto separato per la musica di casa

In primo luogo, parliamo di ciò che è un sistema musicale per la casa. Negli anni ’50 e ’60, un impianto stereo di casa era un bel pezzo di arredamento che ogni tanto si usava per riprodurre la musica. Questi mobili solitamente includevano un giradischi, per dischi 33⅓ RPM long-playing (LP), dischi da 45 giri RPM e forse anche il buon vecchio 78 giri. Di solito era incluso un sintonizzatore AM / FM. Naturalmente c’era l’amplificatore, che amplifica i segnali del sintonizzatore e del giradischi. Questi cosiddetti “mobili stereo” per lo più passati di moda negli anni ’60 e l’inizio degli anni ’70, se non ricordo male, vennero in gran parte sostituiti dagli impianti separati, cioè, un giradischi separato, un ricevitore / amplificatore e altoparlanti separato; nonché (talvolta) un dispositivo a nastro di vari formati.

Gli impianti esistono ancora oggi, in gran parte in relazione ai sistemi home theater e nelle case in cui lo spazio dedicato alla musica è abbondante. Mi permetto di dire che il concetto di stereo console è rinato nello stereo all-in-one, o anche in quegli apparecchi portatili di riproduzione musicale. Questo è il tipo di dispositivo oggigiorno, che dispone di una porta docking per lo smart phone (che contiene tutta la musica).

Trovare il dispositivo audio giusto

Per le persone che hanno già un laptop Linux con la loro musica all’interno, e soprattutto per le persone che hanno una piccola stanza, una bella opzione di ascolto per ottenere un suono decente è un set di altoparlanti amplificati. Come suggerisce il nome, questi sono di solito diffusori compatti che contengono il circuito amplificatore necessario per convertire i segnali di basso livello che escono dal built-in del computer o della scheda audio esterna nella potenza necessaria per essere riprodotti agli altoparlanti. Alcuni di questi diffusori contengono anche un convertitore digitale-analogico, in modo da poter essere collegato alla porta USB o un’altra uscita digitale (S / PDIF o TOSLINK per esempio) da un computer portatile o desktop. Uno dei prodotti che mi sembra offrire una buona qualità a un prezzo ragionevole è Audioengine; un altro è Emotiva; e ce ne sono molti altri in commercio. Le persone che desiderano utilizzare la loro uscita analogica del loro computer portatile o che hanno acquistato un convertitore analogico-digitale a parte non hanno bisogno di altoparlanti alimentati con un convertitore analogico-digitale integrato.

Un’altra possibilità per quelli con sistemi home theater che utilizzano HDMI e Linux su computer portatili o desktop che supporta HDMI out, è quello di collegare il computer a una porta HDMI vuota sul ricevitore home theater; o, l’uscita digitale (S / PDIF o TOSLINK) del computer (ammesso che ci sia) e l’ingresso digitale del ricevitore (di nuovo, ammesso che ci sia un ingresso di corrispondenza).

La scelta di un server

Ho intenzione di concentrare l’attenzione su una configurazione specifica che funziona bene, un lettore musicale indipendente basato su Linux, collegato ad un convertitore digitale-analogico separato, che è a sua volta collegato agli ingressi analogici dello stereo di casa.

Oggi, molte aziende vendono piccoli computer fanless orientati ad un uso multimediale per la casa. Un numero consistente di quelli può facilmente essere configurato con una distribuzione multimediale Linux come Kodi. Questa potrebbe essere una buona combinazione per le persone interessate a guardare video e ascoltare musica, ma io sono molto interessato a un lettore musicale standalone. Quello che vedo in quello spazio che intriga davvero me sono i computer come il Raspberry Pi configurato con un proprio convertitore digitale-analogico, come la HiFiBerry +, il fit-PC Mintbox e Mintbox Mini, e la famiglia dei SolidRun Cubox-i. Ci sono un sacco di altre alternative per la vendita dai vari rivenditori online.

Ognuna di queste unità ha i suoi pro e contro, quindi cerchiamo prima di colmare questi dubbi.

Raspberry Pi

Il Raspberry Pi e HiFiBerry + sono abbastanza poco costosi e forniscono una serie di uscite stereo analogiche che si inseriscono direttamente nello stereo di casa (ad esempio, un “aux” o ingressi “CD”). Tuttavia, per ottenere i file musicali sul Pi ci vuole un disco rigido USB o una connessione di rete (con file condivisi in rete), e l’interfaccia USB del Pi ha la reputazione di essere sottodimensionata. Inoltre, per gli utenti che preferiscono un convertitore USB-based esterno digitale-analogico sul Pi, il HiFiBerry + o simili, avendo sia hard disk e DAC collegato può essere un po’ di sovraccarico, anche se non lo posso dire per esperienza personale. Vorrei aggiungere che un sacco di persone usano questa configurazione, quindi comunque la consideriamo!

CUBOX-i

Il Cubox-i fornisce una porta eSATA, che lascia la USB libera per altre cose (come un DAC). Non ha un “convertitore digitale-analogico integrato”. Il suo Ethernet è Gigabit, la velocità arriva intorno ai 400MB. E’ difficile ottenere il funzionamento wireless built-in, e ho letto alcuni commenti negativi sull’idoneità della sua produzione TOSLINK per i file ad alta risoluzione. Inoltre il loro prezzo è ragionevole.

Fit-PC

Il fit-PC è incantevole; hardware di alta qualità. Di conseguenza, costa un po’ di più. In pratica fit-PC è in realtà un “vero computer” con un processore i5, un sacco di espandibilità della memoria, un sacco di opzioni di connettività, e così via; in modo che possa essere configurato sia come un computer desktop o come un server musicale. Non che il Mintbox Mini sia squallido a tutti! Una delle cose più interessanti è che il 5% dell’acquisto di un Mintbox va alla brava gente di Linux Mint.

La scelta del giusto software

Che dire del software? Ho iniziato la mia “odissea del server musicale home-made” davvero con la mia prima Cubox-i4 in esecuzione con Voyage MuBox, una distribuzione basata su Debian orientata a piccoli computer e appliance-style in generale. Si tratta essenzialmente di una configurazione di server molto ridotta con mpd installato. Ho usato questa configurazione con la connessione USB sul mio convertitore digitale-analogico Schiit Bifrost, a sua volta collegato al nostro stereo di casa. I file musicali sono conservati su un disco da 2 TB per desktop LaCie eSATA. Da allora ho cambiato da Voyage MuBox a Volumio, un’altra distro adatta per la musica basata su Debian, in quanto ha una interfaccia web molto bella costruita in PHP per gestire le funzioni mpd. Questa interfaccia web rende più facile per i membri della famiglia accedere ai player senza bisogno di un client installato sul loro computer o smartphone; semplicemente utilizzando il proprio browser.

Ora ho due di queste in funzione, anche se la seconda utilizza un convertitore digitale-analogico AudioQuest DragonFly di ricambio che fornisce un controllo del volume analogico tramite software, ed è collegato ad un vecchio amplificatore e altoparlanti che erano parcheggiati in garage per raccogliere polvere.

linux server musica di casa

Un grande server musicale basato su Linux. Foto di Dario Fadda. CC BY-SA 4.0.

Il Cubox-i4 collegato al Bifrost è un lettore musicale. Io lo controllo dal mio telefono Android, sia utilizzando MPDroid o l’interfaccia web fornita da Volumio. Ho avuto molte ore di piacevole ascolto di musica attraverso questa configurazione. Emette musica digitale fino a 192kHz / 24bit circa per Ogg Vorbis a 128 kbps e “radio Internet”. Il mio unico consiglio per quanto riguarda la sperimentazione è quello di assicurarsi la possibilità di restituirli al negozio se non fossero compatibili con la configurazione di Linux.

Il Cubox-i4 collegato a FreeBSD non è così semplice. In particolare, il DragonFly non è completamente compatibile con il kernel 3.14.14 fornito con Volumio. Ciò si manifesta in un suono occasionale strano tipo “tick”. Per via di questo problema non posso consigliare questa configurazione come buona. Cio che devo fare adesso è cercare un altro convertitore digitale-analogico per vedere se questo cambio elimina il problema.

Spesso inoltre è possibile trovare attrezzature di seconda mano come convertitori digitali audio a ottimi prezzi; non solo tra i numerosi venditori online, ma su siti specializzati come Audiogon.

Ricapitoliamo

I principali “stereo di casa” possono avere un server musicale ad esso collegato. Tale server musicale è un piccolo computer fanless che esegue la distribuzione Volumio Linux, con i suoi file musicali memorizzati su un disco rigido collegato da eSata, collegati alla rete domestica via Ethernet e allo stereo tramite un convertitore digitale-analogico. Tutti i nostri CD vengono convertiti in FLAC a piena risoluzione di CD e memorizzati sul disco rigido. Ho anche acquistato un certo numero di download di musica, in genere a una risoluzione piena di CD o superiore, quando disponibili; quelli sono memorizzati sullo stesso disco rigido. Certo, ho più copie dei file musicali su altri dischi rigidi (per motivi di sicurezza).

Per concludere con qualche ulteriore lettura: due interessanti articoli online che ho incontrato nel corso delle ultime settimane che mi sento obbligato a condividere: la guida High-Res audio e questo curioso documento che parla di percezioni fisiche del suono ad alta frequenza (entrambi buoni e cattivi).

3 commenti

  • Questo articolo è superinteressante.
    Ti proporrei se ti va di scrivere un post step by step su come hai implementato il tutto!
    Intanto grazie!

    • Ciao Ch3o, intanto Grazie, con la G maiuscola, per il tuo commento. Veramente apprezzatissimo, colgo l’occasione per avvisarti che, visto l’interesse suscitato dall’argomento, stiamo per pubblicare altri how-to step by step per entrare nel dettaglio. Per correttezza linkerò pure qua.

    • nuke

      Eccolo qui: http://wp.me/p69r4y-rW, nuovo intervento appena pubblicato, iniziamo a smanettare con Volumio!

Avvia una discussione su questo tema per coinvolgere i lettori con le tue opinioni