Come ripristinare file eliminati dal Cloud?

I servizi di cloud sono tutti fondamentalmente uguali, ti fanno caricare i file e li sincronizzazione ad altri client ad esso collegati. A volte accadono però incidenti con i file che mai vorremo venissero eliminati. Per fortuna, i file eliminati non sono mai del tutto eliminati.

Ci sono un sacco di cose che puoi fare con il cloud storage che non si potevao fare anche solo pochi anni fa. Se è necessario cancellare un pò di spazio dallo storage locale, per esempio, è possibile scaricare roba nelle cartelle cloud. È inoltre possibile spostare le cartelle speciali del nostro sistema operativo sul cloud, in modo che possano essere facilmente sincronizzati tra i vari dispositivi. Oggi, però, vogliamo parlare di come ripristinare o eliminare definitivamente i file dal cloud.

Ci sono un sacco di servizi di cloud storage oggi sul web, ma i tre nomi più importanti per gli utenti finali sono le offerte di Dropbox, Google Drive, e Microsoft Microsoft OneDrive. Quindi, questi sono quelli che copriremo oggi.

Dropbox

Dropbox tratta i file cancellati in modo diverso rispetto a Google o Microsoft. Con Dropbox, non c’è Cestino, mentre invece i file vengono eliminati, ma non vengono spostati dalla loro posizione. Più precisamente, i file vengono semplicemente nascosti. Così, quando si desidera recuperare o cancellare un file in modo permanente, è necessario andare nella cartella da cui li hai eliminati e abilitare i file nascosti.

Per fare questo, è possibile fare clic sul piccolo cestino icona nell’angolo in alto a destra. Questo è il pulsante “Mostra file eliminati”.

In alternativa, è possibile fare clic destro e scegliere “Mostra file eliminati” dal menu visualizzato.

In entrambi i casi, i file eliminati appariranno in grigio e quando si seleziona uno o più di essi, è possibile fare clic destro del mouse per ulteriori opzioni.

Per ripristinare il file o i files, fare clic su “Restore …” Ovviamente poi, per eliminarli definitivamente, è possibile scegliere “Eliminare definitivamente …” o “visualizzare e ripristinare versioni precedenti” di quel file (se sono presenti).

Quando si è pronti a ripristinare un file, Dropbox ci chiederà conferma con una finestra di dialogo. Se ci sono altre versioni da visualizzare, si può scegliere quella giusta prima di confermare.

Dropbox manterrà versioni illimitate dei file fino a 30 giorni e una estesa Cronologia di versione, fino a un anno.

La funzionalità di gestire le versioni con Dropbox ci può risultare utile, in quelle rare volte che sbadatamente facciamo una modifica a un file, sovrascrivendo quello vecchio originale, per poi accorgerci che in realtà il file di partenza ci serviva proprio così come era.

Google Drive

Google Drive sfoggia un metodo molto più convenzionale di eliminazione di file: il Cestino. È possibile eliminare un file da qualsiasi punto delle unità che sarà in realtà tecnicamente spostato nel Cestino.

Per ripristinare tale file, è necessario prima fare clic sull’icona “Cestino” nella barra laterale. Potreste essere sorpresi di vedere tutti quei file che immaginavamo già persi, tutti qui conservati.

È possibile selezionare uno o più o anche tutti i file e fare clic destro per visualizzare un menu con due opzioni di “Ripristino” o “Cancellare per sempre.” Nota anche, sono disponibili le stesse due opzioni in alto a destra pure nella schermata del Cestino.

Il modo più rapido per eliminare definitivamente tutti i file dal cestino è fare clic sulla freccia accanto a “Cestino”. Dal menu a discesa, selezionare “Svuota cestino”.

Ecco come si ripristinano o eliminano per sempre i file in Google Drive. Passiamo ora a Microsoft Microsoft OneDrive, che è simile alla sua controparte Google.

Microsoft Microsoft OneDrive

Microsoft OneDrive Microsoft sposta anch’esso i file eliminati invece di eliminarli effettivamente. In linea con il tema di Windows, i file cancellati si trovano nel “Cestino”.

Il cestino si trova nell’angolo in basso a sinistra del riquadro di navigazione.

Una volta aperto il cestino, anche qui si può essere un po’ sorpresi di quanti file si pensava fossero andati persi, sono ancora in giro.

Se si vuole a questo punto ripristinarli tutti, è possibile fare clic su “Ripristina tutte le voci” e se si vuole a eliminarli tutti definitivamente, fare clic su “Svuota cestino”.

D’altra parte, se ne possono eliminare o ripristinare anche una selezione scelta da noi, di modo da poter includere quelli che davvero ci interessano o quelli che siamo certi voler eliminare per sempre.

E’ facile perdere a volte i dati anche quando si sta l’add-on in locale. Se si commette l’errore di rimuvere i dati da una cartella di cloud locale senza prima togliere la sincronizzazione questi verranno rimosso dal server cloud e tutti i client ad esso collegati. Gli incidenti accadono, quindi è bene sapere che possono essere annullati se necessario, collegandosi come abbiamo visto nell’interfaccia web del nostro servizio di Cloud.

Naturalmente, ci rendiamo conto che esistano un bel po’ di altri servizi di cloud storage nella rete, ma questo dovrebbe darvi una migliore idea di come quelli potrebbero consentire di ripristinare o eliminare definitivamente i file. Quando questi passaggi non vengono riconosciuti in altri servizi, il vostro servizio di cloud dovrebbe elencare una soluzione nella propria sezione di supporto, di modo da poterci illuminare sul dubbio.

Avvia una discussione su questo tema per coinvolgere i lettori con le tue opinioni