Come usare Airdrop per inviare file

AirDrop consente di inviare rapidamente e facilmente link, foto, file e altro contenuto tra iPhone, iPad, iPod Touch e Mac nelle vicinanze. Basta aprire il pannello di Condivisione e toccare un dispositivo nelle vicinanze.

Questo funziona un po ‘come Android Beam su telefoni e tablet Android . Il tutto funziona in modalità wireless tramite Bluetooth o wifi. E’ compatibile solo con i dispositivi di Apple.

Perchè AirDrop è così utile

Se si dispone di dispositivi Apple, AirDrop è un modo semplice per inviare contenuti (o ricevere) con un’altra persona – o tra i dispositivi. Ci vogliono solo pochi tocchi, e tutto accade in modalità wireless. Se qualcuno è vicino – funziona massimo tra 9 metri di distanza – non sarà necessario utilizzare SMS, iMessage, e-mail o altre applicazioni di comunicazione per inviare i dati.

A differenza di soluzioni simili come per Android Phone e Windows che richiedono un contatto diretto dei vostri telefoni, AirDrop funziona interamente in modalità wireless tramite Bluetooth e senza che i due dispositivi entrino nella stessa rete. Airdrop stesso mette in piedi sul momento una mini-rete tra i due dispositivi e autorizza l’invio, tutto fly senza configurazioni particolari. E’ disponibile su iPhone e iPad dal iOS 7, e Mac OS X dal 10.10 Yosemite. Si può usare per inviare i contenuti tra i propri dispositivi, o condividerlo con i dispositivi di qualcun altro se sono nelle vicinanze. Purtroppo, AirDrop richiede dispositivi Apple, quindi non è compatibile con i dispositivi Android o Windows.

AirDrop dipende dei contatti per la privacy

Per impostazione predefinita, AirDrop ti rende raggiungibile solamente alle persone che sono nella tua lista dei contatti. Se si desidera Airdrop con altre persone, c’e’ il bisogno di aggiungere ai loro contatti tale persona. Questo non dovrebbe richiedere molto sforzo – se si sta facendo questo con qualcuno che conosci, probabilmente l’avete già nei vostri contatti. Se si desidera Airdrop con persone senza aggiungere altri contatti, potete sempre cambiare temporaneamente AirDrop per lavorare con tutti, ignorando i contatti.

Questa caratteristica ti assicura di non apparire tra gli AirDrop di altre persone, mentre si cammina in giro. Le persone non saranno in grado di vedere il tuo nome se siete nelle vicinanze, e non saranno in grado di inviarti file. Solo quelli tra i contatti avranno il permesso di vederti.

Utilizziamo AirDrop su un iPhone o iPad

Solleviamo il pannello “Control Center” sull’iPhone, iPad o iPod mettendo il dito sotto lo schermo e spostandolo verso l’alto. Potete vedere se AirDrop è abilitato, guardando qui lo status.

 Da qui è possibile disattivarla o abilitare AirDrop solo per le persone nei contatti (questo è di default) oppure consentire AirDrop per tutti senza privacy.

Per utilizzare AirDrop, toccare il pulsante Condividi in qualsiasi applicazione su iOS. Vedrai la lista delle persone vicine e dei dispositivi Airdrop. Toccare un nome o un dispositivo per condividere il contenuto in oggetto con loro, l’invio avviene in modalità wireless via Bluetooth.

La persona che riceve viene informata tramite una notifica sul proprio dispositivo.

Utilizziamo AirDrop su un Mac

Su un Mac, troverete la lista dei dispositivi disponibili cliccando AirDrop dentro il Finder. Basta un Drag-and-drop del file verso un altro dispositivo per condividerlo. Ad esempio, è possibile trascinare e rilasciare un file sul proprio nome che identifica il vostro Mac per inviarlo al proprio computer. Oppure si potrebbe inviare una foto dal vostro Mac al vostro iPhone.

Come accade su iOS, è possibile scegliere chi può vederti nella propria lista AirDrop con le opzioni nella parte inferiore della finestra. Basta fare clic sul “Permettetemi di essere scoperto da:” .

AirDrop è anche integrato in nuove funzionalità di condivisione di Mac OS X 10.10 di Yosemite. Ad esempio, è possibile fare clic sul pulsante Condividi nel browser web Safari e scegliere AirDrop per inviare un collegamento alla pagina Web corrente via AirDrop, proprio come si può su un dispositivo mobile.

Se invece si possiede una versione di OS X precedente si può abilitare AirDrop direttamente dal terminale lanciando il seguente comando e poi premendo INVIO:

  • Inserisci i comandi seguenti nel Terminale: defaults write com.apple.NetworkBrowser BrowseAllInterfaces 1
  • Premi Invio e poi inserisci il comando seguente: killall Finder
  • Adesso AirDrop sarà disponibile nel Finder.
  • Per poter abilitare AirDrop sui Mac che non lo supportano, dovrai installare comunque Lion (OS X 10.7).

Suggerimento: i file trasferiti verso un altro Mac finiranno nella cartella Downloads in automatico. Non è invece possibile utilizzare AirDrop con iPhone inferiori al 5, pur avendo iOS aggiornato all’ultima versione.

Avvia una discussione su questo tema per coinvolgere i lettori con le tue opinioni