Conoscere il nostro nuovo mondo virtuale

Conoscere il nostro nuovo mondo virtuale

La nostra attuale separazione fisica forzata potrebbe generare innovazioni che in realtà avvicinano le nostre comunità.

Testimoniare il costante impatto globale di COVID-19 è un'esperienza profondamente toccante che continua a umiliarci tutti in modi che non avremmo potuto prevedere.

Le organizzazioni tecnologiche si stanno rapidamente evolvendo all'interno di questa nuova realtà, in cui tutte le nostre interazioni umane sono virtuali fino a nuovo avviso.

Gestione della comunità virtuale open source

Quando si tratta di coltivare culture progettate per promuovere e premiare l'innovazione open source, nonché il benessere economico, tecnologico e fisico delle comunità, posso parlare al meglio con coloro che aiuto a costruire e gestire. Credo che le comunità dovrebbero essere costruite tessendo un arazzo di dati demografici e gamme di competenze. Dovrebbero farlo in un modo che faciliti la ricca comunicazione e autorizzi coloro che creano software open source a condividere le conoscenze tra loro.

Il passaggio alla connessione virtuale e agli eventi digitalizzati rende questi metodi più cruciali.

Sulla base della mia esperienza nella costruzione e nella crescita di comunità open source, credo che questa nuova era di connessione virtuale offra un'opportunità senza precedenti di innovazione e crescita, purché sia ​​gestita con uguale attenzione dalle persone che la creano. Di seguito sono riportate cinque osservazioni su come il mondo dell'open source può modellare positivamente il futuro dell'innovazione in un mondo virtuale e apparentemente incerto.

Il mondo virtuale è piatto.

Le comunità, i team e le società di supporto open source forniscono un modello eccezionale su come accelerare l'innovazione. Ciò è particolarmente vero in questi tempi straordinari. Alla base, l'open source democratizza il processo di sviluppo, qualcosa che vediamo replicato più ampiamente nei nostri nuovi ecosistemi virtuali. Man mano che l'opportunità di input diventa più inclusiva, le organizzazioni vedono un appiattimento delle infrastrutture, sia nelle comunicazioni che nelle operazioni. Le strutture di potere gerarchiche esistenti si indeboliscono man mano che si sentono più voci e alle idee migliori viene data la possibilità di salire verso l'alto attraverso una maggiore esposizione.

Dato che il distanziamento sociale rende molto più complicati gli accordi di backchannel e stretta di mano, prevedo che la danza tradizionale richiesta per accedere e assumere posizioni di comando sarà sostituita da metodi più chiari e più aperti che alla fine producono prospettive più fresche e migliori. La comunicazione online ha un modo per mettere a nudo la vera sostanza delle interazioni e delle idee, rafforzando la meritocrazia che è centrale per la forza dell'open source.

Il mondo virtuale è veloce.

Questo spostamento strutturale "appiattito" ha il potenziale per aumentare il ritmo e la qualità dell'innovazione, poiché gli eventi e le comunicazioni virtuali allargano i riflettori per illuminare i partecipanti inediti. Le menti creative tra ingegneri, sviluppatori e altri al di fuori delle tradizionali posizioni di leadership faranno leva sul comfort con il web e i canali virtuali per trovarsi e collaborare più velocemente. Questa non è una novità per chi è in open source e mi aspetto che le organizzazioni ancora aggrappate agli approcci legacy si troveranno a investire nell'apprendimento di come implementare strutture di comunicazione più piatte e virtuali e iniziando a costruirle in modelli operativi tradizionali. Questo significa raddoppiare l'efficienza ed essere disposti a lasciar andare la mentalità "è sempre stata fatta così" .

Il mondo virtuale ha bisogno di comunità.

Gli sviluppatori possono risparmiare energia partecipando a eventi virtuali: non c'è pendolarismo, né altre distrazioni dal lavoro a portata di mano. Lavorare in remoto e connettersi solo tramite mezzi virtuali consente ai collaboratori open source di creare, condividere e utilizzare il codice con la stessa velocità consentita dal loro cervello, fornendo contributi rapidi al codice, collaborazioni e nuove soluzioni prodotte con velocità.

Mentre questo spostamento può comportare un aumento della produttività, le organizzazioni devono fare attenzione a creare l'impressione che la risorsa più importante di un membro del team sia il cervello. Quando agli sviluppatori open source è stato chiesto quale fosse la parte migliore del loro lavoro, il 62% ha affermato che si trattava della loro "passione personale". Riconoscere le persone come collaboratori unici delle comunità open source è necessario ed essenziale per lo sviluppo, sia tecnico che umano. Durante questo periodo, quando si preme il pulsante di pausa sull'interazione di persona, le interazioni remote tramite chat, videoconferenze e telefonate consentiranno i momenti umani necessari per la crescita e la connessione. Chi è in open source si affida al potere della comunità, e questo tempo straordinario richiederà l'impegno costante e serio nei suoi confronti.

Il mondo virtuale è composto da individui.

Il potenziale per una maggiore innovazione e meritocrazia attraverso canali esclusivamente virtuali sarà realizzato solo se anche comunità, organizzazioni e individui perseguono e raggiungono il benessere. È fondamentale per i legami interpersonali che mantengono la nostra energia e la nostra salute psicologica - tradizionalmente forgiati attraverso i contatti faccia a faccia nella vita reale - continuare a esistere come parte del nostro modo di lavorare. Se ciò scompare, c'è il rischio che il nostro settore e le nostre comunità diventino puramente transazionali, privi della gioia e della spinta che portano avanti il ​​lavoro, tanto meno grande sarà il lavoro e l'innovazione. Gli sviluppatori sono particolarmente radicati nel senso dello scopo, con solo il 3% che afferma che denaro e vantaggi erano la parte migliore del loro lavoro.

Il benessere generale e il supporto per prevenire il burnout avrebbero già dovuto essere considerazioni centrali per le organizzazioni moderne, ma ora sono ancora più importanti. La connettività virtuale può farci lavorare in fretta, ma ciò può ritorcersi contro se non siamo anche impostati per stare bene.

Il mondo virtuale ha bisogno di gentilezza.

Prevedo anche che la comunicazione solo virtuale chiuderà la distanza tra i nostri avatar online e noi stessi come persone reali. L'impatto di individui "tossici", nascosti dietro un computer, con poche o nessuna conseguenza per essere un "cattivo attore", sarà ridotto e meno accettabile. Una presenza crescente di nuove voci darà il tono, aderendo a codici di condotta ben ponderati, rendendo esplicitamente sgraditi comportamenti scorretti. Poiché gran parte della nostra connessione si sposta online, le norme che guidano il nostro comportamento offline diventeranno sempre più importanti. Passeremo a un paradigma meno individualista e la lunga storia dell'open source nel considerare ciò che definisce la buona cittadinanza offrirà spunti a coloro che cercano di integrare un senso di responsabilità condivisa nelle organizzazioni.

Sono estremamente grato di essere nella tecnologia, in particolare nel mondo dell'open source, dato che si tratta di un settore costruito sulla promessa di innovazione. Almeno per il momento, noi come industria possiamo fungere da faro per la connessione in tempi difficili e come modello di collaborazione e intenzione per coloro che non hanno familiarità con come essere altamente produttivi in ​​un mondo virtuale. Per la comunità open source e oltre, vi è una grande opportunità di inclinarsi nel creare la cultura virtuale più benefica possibile. Attraverso questa esperienza, impareremo tutti nuovi modi di interagire, che ci serviranno bene in futuro.

Posted on

Author L'autore

Dario Fadda alias {Nuke}

Da sempre appassionato di informatica e del mondo open-source nel 2003 ho fondato il portale Spcnet.it per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo dei computers, con particolare attenzione alle tematiche di Sicurezza informatica, Malware e Ransomware, ma anche guide di Programmazione e utili suggerimenti per tutte le fasce di interesse.
Dal 2006 sono membro del Gulch (Gruppo Utenti Linux Cagliari), con cui cerco di dare il mio contributo attivo per eventi e LinuxDay.
Su Twitter segnalo e condivido nuovi Phishing pericolosi con approfondimenti sul Bank Security.

Ho ideato Hacker Alert per effettuare ricerche di vulnerabilità e phishing in tempo reale.

Praticamente per tutto ciò che scopro e che è degno di nota ne condivido il codice sorgente su Git Hub.
Per tutto il resto c'è Dario Fadda .it che contiene "quasi" tutto di me.