Da quando ho incontrato Snowden, non ho mai smesso di guardarmi alle spalle

Da quando ho incontrato Snowden, non ho mai smesso di guardarmi alle spalle
Dopo aver ricevuto una serie di documenti dall'informatore, mi sono trovato sotto sorveglianza e indagine da parte del governo degli Stati Uniti.

Storia di Barton Gellman (fonte)


Sei mesi prima, nel giugno 2013, quando la storia di Snowden aveva meno di due settimane, sono andato su Face the Nation per parlarne. Successivamente, mi sono ripulito il trucco della televisione, ho sganciato il microfono del bavero e sono emerso in una piacevole domenica pre-estiva fuori dallo studio CBS News nel quartiere di Georgetown a Washington, DC.

Sul retro di un taxi ho estratto l'iPad. Il display si accese, quindi si dissolse in statico e si spense. Eh? Trascorsero alcuni secondi e lo schermo si illuminò di nuovo. Il testo bianco ha iniziato a scorrere su uno sfondo tutto nero. Il testo si è mosso troppo velocemente per consentirmi di prendere tutto, ma ho catturato alcuni frammenti.

# root:xnu …

# dumping kernel …

# patching file system …

Aspetta! Cosa? Sembrava una finestra terminale Unix. La parola root e il simbolo hashtag significa che in qualche modo il dispositivo era stato messo in modalità superutente. Qualcuno aveva preso il controllo del mio iPad, esplodendo attraverso le restrizioni di sicurezza di Apple e acquisendo il potere di riscrivere qualsiasi cosa il sistema operativo potesse toccare.

Currently there are no comments, so be the first!