Data breach! In vendita 62 mila account di eToro, la piattaforma di trading online

Data breach! In vendita 62 mila account di eToro, la piattaforma di trading online

Gli specialisti della sicurezza dei dati segnalano che gli utenti di eToro sono esposti a grandi rischi perché un gruppo di hacker non identificato è riuscito ad accedere a circa 62.000 account, che ora sono in vendita su un forum di hacking.

Va ricordato che eToro è una piattaforma di mediatore specializzato in social trading, consentendo agli utenti di impiegare meccanismi finanziari complessi senza grande conoscenza della materia. Questa piattaforma commercia più strumenti finanziari come azioni, valute, opzioni di vendita e cryptocurrenciesCon tre diverse sedi a Cipro, Israele e Regno Unito, eToro è una delle principali opzioni nel suo campo. 

Nei suoi ultimi rapporti, eToro ha affermato di avere più di 3 milioni di account attivi, indicando la sua grande crescita negli ultimi anni, citando esperti nella cancellazione sicura dei dati.

Per alcune ore, più segnalazioni di utenti hanno cominciato a comparire che ha rilevato attività insolite nei loro conti, che sarebbe poi hanno portato alla massiccia pirateria di eToro.
Nella sua pubblicità, ospitata sul deep web , gli hacker affermano che il database in vendita ha record di utenti come nome, indirizzo e-mail, password, indirizzi, città di residenza, tra gli altri dettagli relativi al tipo di operazioni che vengono eseguite su eToro.


Inoltre, gli hackers hanno aggiunto alcuni dettagli sull'attività degli account compromessi, specificando che coloro che sono interessati a questi account potrebbero acquistare e vendere azioni di grandi aziende (come Amazon, Yandex, Tesla, tra gli altri), oltre ad avere accesso al risorse degli utenti eToro interessati. 
Non è ancora noto se gli hacker abbiano già venduto queste informazioni a tutti gli acquirenti interessati.

L'incidente è già oggetto di indagine da parte dei responsabili della piattaforma, anche se gli esperti nella cancellazione sicura dei dati raccomandano agli utenti potenzialmente interessati di reimpostare le password come misura di sicurezza aggiuntiva durante la risoluzione del problema.

I responsabili dell'attacco operano nel deep web, che è diventato il rifugio ideale per i gruppi di criminalità informatica. Per anni, le autorità di decine di paesi hanno investito considerevoli sforzi nella lotta contro i forum di hacking clandestini ospitati in questa area di Internet, sebbene sia praticamente impossibile fermare il loro progresso. 

Posted on