Esperto dispensa agli Stati Uniti consigli su come difendersi dagli attacchi cibernetici

Nel corso degli ultimi mesi, alcuni funzionari hanno sostenuto che gli Stati Uniti potrebbero rispondere in piena forza ad attacchi informatici che causano danni significativi. Tuttavia, gli esperti avvertono che questo potrebbe non essere l’approccio migliore.

Nel corso di un’audizione sugli attacchi informatici lanciati da Cina, Iran e Russia contro le infrastrutture critiche degli Stati Uniti, Martin Libicki: uno scienziato senior management presso la RAND Corporation, ha parlato della House Homeland Security Committee e che i danni causati da attacchi informatici sono limitati.
Libicki ha spiegato che, mentre gli attacchi informatici potrebbero comportare la perdita di vite umane, una cosa che non è mai accaduta fino ad ora, non possono essere utilizzati per invadere una nazione o rovesciare l’attuale regime.

“Un attacco cibernetico, in sé e per sé, non richiede una risposta immediata per salvaguardare la sicurezza nazionale. Al contrario, un paese colpito dal cyberspazio ha la possibilità di chiedersi quale sarebbe il modo più economico per ridurre al minimo tale sofferenza futuro”, ha osservato.

L’esperto ritiene che se il governo continua a fare dichiarazioni forti su attacchi informatici, il pubblico potrà chiedere che una certa azione venga intrapresa. Questo potrebbe costringere gli Stati Uniti “a fare qualcosa, anche quando poco o nulla è stato richiesto.”

Inoltre, Libicki sottolinea il fatto che gli avversari del paese sono più tentati di lanciare attacchi informatici se il governo continua a sottolineare “il dolore” che provocano.

“Al contrario, favorire l’impressione che un grande Paese può sopportare il dolore di attacchi informatici e mantenere la calma può contribuire a ridurre tale tentazione”, ha detto Libicki.

Secondo Libicki, sarebbe stato meglio se il governo avesse concentrato i propri sforzi al fine di ridurre al minimo gli effetti dannosi di un attacco cibernetico, e avesse lavorato sulle le falle di sicurezza che hanno permesso a questi attacchi di accadere.

Una recente indagine effettuata da Tenable Network Security dimostra che Libicki ha ragione. Tutto questo parlare di  di attacchi informatici ha reso il 60% degli americani  d’accordo con gli investimenti del governo in guerrieri cibernetici.

Inoltre, il 94% degli intervistati ha detto che  il presidente ha il diritto di mettere in atto una difesa forte da attacchi cibernetici con lo stesso diritto con il quale dovrebbe difendersi dagli attacchi fisici.

Avvia una discussione su questo tema per coinvolgere i lettori con le tue opinioni