Facebook vuole che la Cina non guidi le regole tecniche

Facebook vuole che la Cina non guidi le regole tecniche

Il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg lunedì ha esortato l'Unione europea a prendere l'iniziativa nel definire standard globali per la regolamentazione tecnologica o nel vedere i paesi seguire la Cina come modello.

"Penso che in questo momento molti altri paesi guardino alla Cina ... e dicano: 'Ehi, quel modello sembra che forse potrebbe funzionare. Forse dà al nostro governo un maggiore controllo?'", Ha detto Zuckerberg, durante un video dibattito con il commissario europeo Thierry Breton.

Secondo il modello di Pechino, "non devi rispettare i diritti umani tanto quanto il modo in cui la società viene gestita", ha aggiunto.

"Penso solo che sia davvero pericoloso e mi preoccupo per quel tipo di modello che si sta diffondendo ad altri paesi", ha detto Zuckerberg nel discorso, organizzato dal Centro per la regolamentazione in Europa

"Penso che il miglior antidoto a questo sia avere un chiaro quadro normativo che esce dai paesi democratici occidentali e che può diventare uno standard in tutto il mondo", ha affermato.

"Quando l'Europa definisce le politiche, spesso diventano gli standard in tutto il mondo", ha affermato, citando la legislazione dell'UE sulla protezione dei dati del GDPR, che è stata ampiamente replicata.

Breton, uno dei massimi funzionari dell'UE in materia di politica tecnologica, ha affermato che anche Facebook e altre grandi aziende tecnologiche devono essere all'altezza di determinati valori.

Se vuoi avere la giusta regolamentazione "devi avere una serie chiara di valori e in Europa abbiamo questi valori", ha detto, suggerendo che a volte Facebook non è all'altezza, in particolare per quanto riguarda il controllo dei contenuti illegali o il pagamento di tasse giuste.

"Alla fine della giornata, se non riusciamo a trovare un modo, regolamenteremo, ovviamente", ha avvertito

- Lobbying drive -

"È estremamente importante che quando sei amministratore delegato, alla fine, sei l'unico ad essere responsabile", ha detto Breton.

"La missione di un CEO è ascoltare tutti e poi prendere la decisione. Alla fine, sarà Mark a essere responsabile, nessun altro."

Il dibattito è arrivato quando Facebook ha avviato una campagna di lobbying europea.

La Commissione europea sta avanzando verso un Digital Service Act, una delle principali attività legislative dell'UE intese a frenare i poteri delle grandi tecnologie statunitensi.

La legge includerebbe tutti gli aspetti del mondo digitale, incluso reprimere il discorso dell'odio, proteggere i dati degli utenti e impedire alle grandi aziende di abusare delle loro posizioni di mercato dominanti.

Le aziende della Silicon Valley stanno preparando un furioso contrattacco di lobby per limitarne la portata.

Se lasciata incontrollata, la legge potrebbe costringere Facebook, Google, Amazon o Apple a dividere le loro attività, fornire ai rivali l'accesso ai loro dati e agire di più come servizi pubblici e non innovatori in cerca di profitto.

La legge renderebbe anche i giganti responsabili dei contenuti illegali - come i discorsi d'odio o la musica piratata - invertendo una politica del laissez faire che secondo loro ha alimentato la rivoluzione di Internet.

Currently there are no comments, so be the first!