Google Chrome ora blocca le notifiche dai siti con contenuti offensivi

Google Chrome ora blocca le notifiche dai siti con contenuti offensivi

A partire da Chrome 86, Google nasconde automaticamente lo spam di notifica del sito Web sui siti che mostrano uno schema di invio di contenuti di notifica abusivi ai visitatori.

L'"interfaccia utente per l'autorizzazione alla notifica silenziosa" utilizzata per nascondere lo spam di avviso web agli utenti è stata introdotta in Chrome 80 e migliorata in Chrome 84 con l'aggiunta della registrazione automatica nel sistema di notifica anti-spam per i siti che utilizzano schemi ingannevoli per richiedere autorizzazioni di notifica.

"Le richieste di notifica abusive sono uno dei principali reclami degli utenti che riceviamo su Chrome", ha affermato PJ McLachlan, Product Manager di Google Web Platform.

"Il nostro obiettivo con queste modifiche è migliorare l'esperienza degli utenti di Chrome e ridurre l'incentivo per i siti offensivi a utilizzare in modo improprio la funzione di notifica web".

Rilevamento automatizzato di pattern di contenuti offensivi

Google sta ulteriormente migliorando la qualità dell'ecosistema di notifica web di Chrome concentrandosi sul contenuto delle notifiche e nascondendo gli avvisi sui siti con una cronologia di invio di avvisi di spam con contenuti offensivi che forniscono malware o aiutano a raccogliere le credenziali dell'utente. 

"Questo trattamento si applica ai siti che tentano di indurre gli utenti ad accettare l'autorizzazione di notifica per scopi dannosi, ad esempio i siti che utilizzano le notifiche web per inviare malware o per imitare i messaggi di sistema per ottenere le credenziali di accesso dell'utente", ha affermato McLachlan.

Il servizio di scansione web di Google si iscriverà alle notifiche push se vengono richieste autorizzazioni push per rilevare siti Web che utilizzano in modo improprio le notifiche per inviare spam ai visitatori con contenuti offensivi.

I crawler automatici di Chrome utilizzeranno quindi il servizio di lista nera di Navigazione sicura di Google per valutare le notifiche ricevute, contrassegnando automaticamente tutti i siti che ne abusano per scopi dannosi per imporre il blocco delle notifiche attivando l'interfaccia utente di autorizzazione delle notifiche più silenziosa.

Periodo di prova di 30 giorni

I proprietari di siti web possono utilizzare il rapporto Notifiche abusive di Search Console per vedere se il crawler web di Google ha rilevato comportamenti di notifica abusivi sui loro siti.

Google invierà inoltre una notifica ai proprietari e agli utenti registrati del sito tramite email "almeno 30 giorni di calendario prima dell'inizio dell'applicazione" in modo che possano risolvere i problemi di notifica abusiva alla base del downgrade dello stato e richiedere un altro controllo.

I proprietari e gli sviluppatori dei siti possono ottenere maggiori informazioni sul processo di revisione delle notifiche abusive nel Centro assistenza di Search Console.

Google fornisce loro anche una guida dettagliata sulla correzione delle notifiche abusive rilevate automaticamente e sulla richiesta di nuove revisioni del sito web.

"In una versione imminente, Chrome ripristinerà lo stato dell'autorizzazione di notifica da" concesso "a" predefinito "per origini abusive, impedendo ulteriori notifiche a meno che l'utente non torni all'origine abusiva e riattivi le notifiche", ha aggiunto McLachlan.

Posted on

Author L'autore

Dario Fadda alias {Nuke}

Da sempre appassionato di informatica e del mondo open-source nel 2003 ho fondato il portale Spcnet.it per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo dei computers, con particolare attenzione alle tematiche di Sicurezza informatica, Malware e Ransomware, ma anche guide di Programmazione e utili suggerimenti per tutte le fasce di interesse.
Dal 2006 sono membro del Gulch (Gruppo Utenti Linux Cagliari), con cui cerco di dare il mio contributo attivo per eventi e LinuxDay.
Su Twitter segnalo e condivido nuovi Phishing pericolosi con approfondimenti sul Bank Security.

Ho ideato Hacker Alert per effettuare ricerche di vulnerabilità e phishing in tempo reale.

Praticamente per tutto ciò che scopro e che è degno di nota ne condivido il codice sorgente su Git Hub.
Per tutto il resto c'è Dario Fadda .it che contiene "quasi" tutto di me.