Google crea filtro anti spoiler

Al gigante della ricerca è stato concesso un brevetto per un sistema e metodo per processare i contenuti di spoiler. Google sta pensando ad una soluzione per evitare di far leggere le anticipazioni sulla trama a chi segue serie tv o ancora deve vedere film.

I social network stanno diventando, sempre di più, terreno fertile per ogni azione di spoiler, azione ben conosciuta da chi segue o ha seguito serie TV come “Game of Thrones” o “Flash” o “Arrow” o “Le Regole del Delitto Perfetto”! Inoltre azione molto temuta dagli stessi appassionati, in quanto rovinano in una frazione di secondo, il gusto di seguire tale serie, creando dunque disinteresse e in alcuni casi anche nervosismo.

Google non crea un semplice filtro basato su parole chiave o anticensura classica, ma fa un passo avanti e cerca di produrre un algoritmo che segua anche le abitudini degli utenti, cercando di rilevare quali puntate l’utente ha già visto di una certa serie e dunque, basandosi anche su questi dati per determinare un contenuto come spoiler.

In ogni caso, nella remota ipotesi che l’utente ceda ugualmente (dopo che il sistema gli ha segnalato che sta per guardare uno spoiler) alla tentazione di volersi rovinare la serie, perchè preso dalla curiosità, potrà decidere individualmente di cliccare un tasto e guardare ugualmente il contenuto pubblicato, seppur per lui questo potrebbe essere uno spoiler. Google in questo caso ti avvisa, poi se guardi comunque è totalmente resposabilità tua.

Inoltre non si sa nulla sull’integrazione di questo futuro sistema in ambienti come Twitter e Facebook, patria numero uno di spoiler per ogni attività TV che abbia una certa serialità. Anche perchè Google non possiede questi Social Network, per cui potrebbe limitarsi a creare un servizio che, liberamente, può essere adotatto oppure no da eventuali partner esterni.

Avvia una discussione su questo tema per coinvolgere i lettori con le tue opinioni