Google Fuchsia non è Linux: quindi, che cos’è e chi lo utilizzerà?

Guardiamo il nuovo sistema operativo open source di Google e discutiamo di cosa si tratta, come funziona e altre curiosità. E, no, non ha intenzione di sostituire Android o Chrome OS.

Fuchsia, Google ci dice in qualche documentazione recentemente rivelata, non è Linux. Allora cos’è? E a cosa serve?

Google Fuchsia: cos’è e quali dispositivi lo eseguono?

Google ha lavorato a questo sistema operativo open source dall’estate del 2016. In un primo momento, abbiamo pensato che Fuchsia fosse per dispositivi di Internet of Things (IoT). Ora sappiamo che può anche alimentare Chromebook e smartphone.

È un sostituto per Android e Chrome OS? Buona domanda. Non è chiaro cosa ne pensi Google. Sappiamo che funziona su Pixelbook di fascia alta e Chrome-OS di Google. Puoi anche installarlo su Acer Switch 12 e Intel NUC e, infine, su un Raspberry Pi 3.

Sfortunatamente, sul mio Pixelbook o su qualsiasi altra piattaforma, non puoi farci molto. Per ora, l’unica cosa che fa sul mio Pixelbook è mostrare l’ora. Oh, c’è un vero sistema operativo lì, ma ha a malapena le funzionalità embrionali. Questo non è nemmeno un software alfa. È ancora un esperimento scientifico.

Lo sviluppatore di Fucsia Travis Geiselbrecht ha detto in una discussione IRC che Fuchsia non è “un giocattolo”. Ha aggiunto che  “non è una discarica di una cosa morta di cui non ci importa più”. Un progetto al 20% è quando gli sviluppatori di Google lavorano su qualcosa perché li interessa piuttosto che perché fa parte del loro lavoro.

Google Fucsia: cosa sta succedendo sotto il cofano?

Ora che diamo un’occhiata alla documentazione del progetto, sappiamo di più su cosa sta succedendo sotto il cofano di Fuchsia.

Innanzitutto, è basato sul micro-kernel Zircon. Oltre al microkernel, include un piccolo insieme di servizi, driver e librerie per gli utenti. Questi sono usati per avviare il sistema, parlare con l’hardware, caricare i processi userspace ed eseguirli, e non molto altro. Il kernel gestisce diversi tipi di oggetti. Quelli che sono direttamente accessibili tramite le chiamate di sistema sono classi C++. Fucsia si basa su questa base.

Gli oggetti sono un concetto importante. Fucsia è un sistema operativo modulare. Ciò implica che sarete in grado di usarlo su dispositivi a bassa potenza e con risorse minime fino ai PC. Devi semplicemente aggiungere i moduli oggetto di cui avrai bisogno per ogni dispositivo.

Sappiamo anche, dal momento che supporterà un sottoinsieme di convenzioni POSIX (Portable Operating System Interface), dal punto di vista di uno sviluppatore, assomiglierà a Unix / Linux.

Fuchsia usa Google Flutter come kit di sviluppo software (SDK). Con esso, puoi attualmente creare app Chrome OS e Android. Fuchsia supporta anche il linguaggio Swift di Apple.

Google Fuchsia: a cosa serve tutto questo?

La teoria più popolare è “sostituire Android e Chrome OS”. No semplicemente no.

Entrambi i sistemi operativi sono popolari tra utenti e sviluppatori. Android è il sistema operativo più popolare al mondo. Inoltre, se sei un programmatore, vorresti spostare letteralmente oltre un milione di app per Android su una nuova piattaforma? Io non la penso così!

Chrome OS è già il sistema operativo perfetto di Google. Sebbene sia basato su Linux, gran parte delle sue funzionalità si basa sui servizi di Google. Sta anche guadagnando più utenti nel corso degli anni. Perché scherzare con la perfezione del business?

Penso anche che Google sia abbastanza intelligente da non reinventare la ruota. Questo è un nuovo sistema operativo costruito dal kernel in su. Ci vorranno anni prima che sia pronto per la produzione, non ha senso sostituire un sistema operativo popolare esistente.

Sospetto che Fuchsia troverà la sua casa nella realtà virtuale, nella realtà aumentata o in altre tecnologie “ancora in divenire”. Non è un sostituto di ciò che già abbiamo; è una porta per un futuro in cui non stiamo ancora vivendo.

Avvia una discussione su questo tema per coinvolgere i lettori con le tue opinioni