Hackers musulmani distruggono migliaia di siti israeliani tramite plugin Wordpress

Hackers musulmani distruggono migliaia di siti israeliani tramite plugin Wordpress

Secondo gli specialisti della sicurezza informatica, un gruppo di hacker iraniani è riuscito ad accedere a una serie di siti Web israeliani in rappresaglia a varie azioni di guerra; apparentemente, almeno 2.000 siti web con base in Israele sono stati completamente deturpati durante l'attacco.

Dopo che l'attacco è stato completato, gli hacker hanno pubblicato propaganda antisemita sulle home page dei siti attaccati.

Poco dopo, la direzione nazionale informatica di Israele ha confermato l'incidente. Le autorità israeliane assicurano ai loro cittadini che l'incidente è già stato affrontato, anche se la correzione di tutti i danni potrebbe richiedere del tempo.

Pertanto, si consiglia agli utenti di astenersi dall'entrare nei siti Web compromessi o fare clic su qualsiasi link pubblicato. Le indagini sugli incidenti segnalano che i siti attaccati sono ospitati da uPress, un fornitore di servizi israeliano.

I siti attaccati sembrano appartenere a diversi comuni, alla United Hatzalah (un'organizzazione di servizi medici di emergenza basata su volontari), all'Autorità Kinneret (Mare di Galilea), a diverse ONG con sede in Israele, il sito ufficiale del leader del partito Meretz, Nitzan Horowit, catene alimentari, tra le altre organizzazioni.

Poco dopo che le informazioni sono state divulgate, anche la società di servizi di hosting ha riconosciuto l'incidente, menzionando che gli attori delle minacce avevano sfruttato una vulnerabilità presente in un plugin di WordPress, consentendo loro di espandere l'attacco.

I rappresentanti di UPress hanno anche affermato di aver già preso contatti con le autorità israeliane per continuare le indagini.

Un messaggio pubblicato dagli hacker menziona: "Il conto alla rovescia per la distruzione di Israele è iniziato". Gli hackers hanno anche pubblicato frasi minacciose, collegamenti a video di YouTube e immagini di ciò che hanno chiamato "La distruzione di Tel Aviv".

Per quanto riguarda le ragioni, gli specialisti della sicurezza informatica sottolineano che l'attacco è avvenuto pochi giorni dopo la denuncia di un attacco informatico in un porto iraniano, sebbene il governo iraniano non abbia presentato prove a sostegno delle sue affermazioni.

Secondo diversi rapporti, l'attacco informatico al porto di Shahid Rajaee in Iran è stato giustiziato da Israele.

Un gruppo di hacker chiamato "Hackers of Savior" è stato identificato come il principale sospettato dell'attacco.

Secondo un rapporto della piattaforma specializzata ZDNet, il gruppo è composto da almeno nove importanti hacker di vari paesi musulmani come Turchia, Palestina, Marocco ed Egitto.

Per gli esperti di cibersicurezza, questo è ancora un segno delle imminenti guerre che si stanno dispiegando nel campo dell'informatica, il che è spaventoso a causa dell'avanzamento delle armi informatiche e dei metodi di attacco, che hanno già il potenziale per generare disastri a livello nazionale.

Currently there are no comments, so be the first!