Cover Image

Hacking Team Founder: 'Hacking Team is Dead'

27 Maggio 2020 - Tempo di lettura: 15 minuti

Il fondatore ed ex amministratore delegato della famigerata società di tecnologia di sorveglianza Hacking Team ha scritto un bizzarro necrologio per la sua vecchia azienda sul suo account ufficiale LinkedIn.

David Vincenzetti ha pubblicato un breve messaggio dicendo "Hacking Team is dead" martedì, più di un anno dopo che la società italiana è stata acquisita da un'altra società di sicurezza informatica e rinominata Memento Labs. Come riportato da Motherboard all'inizio di quest'anno, Memento Labs sta lottando per decollare dopo che alcuni dipendenti chiave del Hacking Team sono andati via, rallentando lo sviluppo di nuovi prodotti di cui avrebbe bisogno per competere con aziende come NSO Group.

Vincenzetti non ha risposto a una richiesta di commento via e-mail. Anche Paolo Lezzi, CEO di Memento Labs, non ha risposto immediatamente a una e-mail chiedendo un commento.

Mentre l'Hacking Team ha formalmente cessato di esistere quando è stato acquisito e rinominato nel 2019, il post di Vincenzetti è l'ultimo chiodo nella bara e l'ultimo capitolo della caduta dell'azienda. Hacking Team è stato fondato nel 2003 ed è stata tra le primissime aziende a concentrarsi esclusivamente sullo sviluppo di software progettato per hackerare e spiare computer e telefoni cellulari.

La società è stata uno dei pionieri della cosiddetta industria delle intercettazioni legali, un mercato in cui le aziende forniscono questo tipo di strumenti esclusivamente alle forze dell'ordine e alle agenzie di intelligence. Negli anni 2000, l'Hacking Team è passato dalla vendita solo alle agenzie italiane alla vendita all'agenzia di intelligence nazionale spagnola, e successivamente a poliziotti e spie in 41 paesi diversi nel suo periodo di massimo splendore nel 2015. Quell'anno, un hacktivista noto come Phineas Fisher è entrato in Hacking Team server, ha rubato gigabyte di dati sensibili e pubblicandoli online, inferendo all'azienda con quello che alla fine sarebbe diventato un colpo mortale.

Claudio Guarnieri, un ricercatore di sicurezza che è stato tra i primi a scoprire il malware dell'Hacking Team all'inizio dell'ultimo decennio, ha reagito al post con ironia.

"Così tanto tempo e grazie per tutto il phishing", ha detto in una chat online, usando il gergo informativo per gli attacchi di phishing, uno dei metodi più popolari utilizzati dai clienti dell'Hacking Team per hackerare gli obiettivi.

Un ex dipendente aveva precedentemente dichiarato a Motherboard che Hacking Team senza Vincenzetti è "come i Nirvana senza Kurt Cobain".

"Povero Vincenzetti", ha detto l'ex impiegato. “Sta uscendo. Mi dispiace davvero vederlo così."

Currently there are no comments, so be the first!
intopic.it