Il contact tracing centralizzato solleva preoccupazioni tra i cittadini attenti alla privacy

Il contact tracing centralizzato solleva preoccupazioni tra i cittadini attenti alla privacy

Il lungo dibattito sul fatto che la crittografia e l'anonimato proteggano troppo il comportamento criminale ha anche messo in scena una certa preoccupazione.

Le nazioni i cui governi perseguono un modello centralizzato di tracciamento dei contatti hanno maggiori probabilità di assistere a un'enorme ondata di cittadini che adottano tecnologie per il miglioramento della privacy - in alcuni casi con un fattore di almeno 10 volte, secondo la società di sicurezza delle comunicazioni Wickr.

In un'analisi della sua base di utenti, Wickr ha scoperto che paesi come la Turchia, Israele e l'Ungheria, che hanno tutti adottato un approccio centralizzato per il tracciamento dei contatti, hanno visto enormi aumenti nell'adozione della messaggistica privata di un fattore pari o superiore a 15 volte. Anche nelle nazioni europee che hanno normative più incentrate sulla privacy, l'adozione di messaggistica sicura è cresciuta più rapidamente nei paesi che adottano un approccio centralizzato, come il Regno Unito e la Francia, rispetto a quelli che si sono impegnati nella tecnologia di tracciabilità dei contatti distribuita, come la Germania, afferma l'analisi di Wickr.

Il risultato suggerisce che il passaggio a una sorveglianza più rigorosa della diffusione del coronavirus ha causato preoccupazioni tra i cittadini esperti di tecnologia e attenti alla privacy, afferma Chris Howell, co-fondatore e direttore tecnologico di Wickr. 

"La tendenza COVID di tracciamento dei contatti punta al clima generale sulla privacy", afferma. "Se le aziende o i cittadini credono che il governo stia cercando di divorare tutti i dati, ci sarà una maggiore angoscia. In quelle regioni, avrai persone che temono che si sbracci e si rivolga alla tecnologia per la privacy."

I dati di Wickr rafforzano l'idea che, man mano che i governi aumentano i poteri di sorveglianza, i cittadini sono più inclini ad adottare una tecnologia che può aiutare a mantenere private le loro comunicazioni. Il rapporto non è né uno studio scientifico né suggerisce che le preoccupazioni sulla privacy dei cittadini con la tracciabilità dei contatti con coronavirus stiano favorendo l'adozione. Tuttavia, il rapporto arriva mentre i governi di tutto il mondo lottano per trovare il modo di proteggere le loro popolazioni dal coronavirus. 

Inoltre, il dibattito a lungo sobbollente sul fatto che la crittografia e l'anonimato proteggano troppo il comportamento criminale ha messo in scena una ripresa. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha riaperto il suo caso contro le società tecnologiche che forniscono tecnologia di comunicazione crittografata che non può essere facilmente risolta. Il cosiddetto dibattito "che oscura" in genere pone le richieste di backdoor in dispositivi crittografati come un modo per far rispettare le leggi e la politica sulla cittadinanza. 

Il più recente campo di battaglia legislativo è l'EARN IT Act, che il Congresso sta attualmente prendendo in considerazione e consentirebbe a un gruppo di commissari di stabilire le migliori pratiche per le società tecnologiche che forniscono servizi Internet, tra cui - affermano i critici - che richiedono backdoor di crittografia. 

"Le backdoor rappresentano una grave minaccia per la sicurezza offerta dalla crittografia, proprio come lo era quando il moderno dibattito sulla crittografia è iniziato con le conseguenze dell'attacco terroristico di San Bernardino cinque anni fa", ha dichiarato Michael Hayden, ex direttore della Central Intelligence Agency e della National Security Agency, all'inizio di questo mese in una colonna per The Hill . "I sostenitori continuano a perseguire backdoor attraverso leggi come Earn It Act, nonostante il fatto che tali sforzi non raggiungano gli obiettivi prefissati, come molti esperti continuano a sottolineare".

Le dimensioni dei maggiori guadagni - 45 volte in Turchia, 23 volte in Israele e 15 volte in Ungheria - sono in gran parte dovute a una piccola base di utenti di partenza in quei paesi, ma nel complesso la tendenza indica che la maggiore adozione si è verificata nei paesi che pianificavano di usare la tecnologia per minare la privacy, dice Howell di Wickr. Russia, Italia e Corea del Sud sono tutti tra i migliori ad adottare il contact tracing, ma anche i paesi che hanno adottato la traccia dei contatti che rispetta meno la privacy.

Alcuni esperti hanno avvertito che, come hanno fatto gli Stati Uniti dopo l'11 settembre, le nazioni che minano la privacy per la promessa di sicurezza lo stanno facendo inutilmente. Eppure, diversamente dall'11 settembre, quando le proposte per vagliare i dati dei cittadini sembravano essere l'unica opzione, questa volta ci sono due opzioni che probabilmente serviranno allo stesso modo a rintracciare gli sforzi. 

La tracciabilità dei contatti gestita a livello centrale consente sostanzialmente al governo di tracciare la posizione storica dei cittadini per determinare quando due persone si trovano nella stessa posizione contemporaneamente. La traccia dei contatti distribuita consente ai telefoni di scambiare chiavi anonime quando sono vicini l'uno all'altro per un determinato periodo di tempo, e quindi solo se a una persona viene diagnosticato COVID-19, le chiavi vengono raccolte in un database che viene quindi aggiornato.

"Se guardi solo al fatto che abbiamo due tipi principali di tracce COVID di cui stiamo parlando, questa è una vittoria", afferma Howell. "Non avevamo questo dopo l'11 settembre. È stato solo dopo il Patriot Act che abbiamo esaminato se dovevamo raccogliere tutti i dati che abbiamo deciso di raccogliere".

Currently there are no comments, so be the first!