Il Vaticano è presumibilmente stato hackerato dalla Cina prima dei colloqui con lo Stato

 Il Vaticano è presumibilmente stato hackerato dalla Cina prima dei colloqui con lo Stato

Il Vaticano e la diocesi cattolica di Hong Kong sono stati oggetto di presunti hacker cinesi appoggiati dallo stato in vista dei colloqui sul rinnovo di un accordo del 2018 che ha aiutato a disgelare le relazioni diplomatiche tra Vaticano e Cina, secondo un gruppo di monitoraggio.

I presunti attacchi di un gruppo chiamato RedDelta sono iniziati a maggio con un occhio ai colloqui di settembre per rinnovare un accordo provvisorio sugli appuntamenti dei vescovi, secondo un rapporto di martedì del Recorded Future con sede negli Stati Uniti, che traccia gli attacchi informatici sostenuti dallo stato. Gli attacchi sono stati segnalati per la prima volta dal New York Times.

Il Vaticano non ha avuto commenti immediati. Il ministero degli Esteri cinese ha negato qualsiasi coinvolgimento, definendo il rapporto "speculazioni infondate".

Recorded Future ha affermato che anche la Missione di studio di Hong Kong in Cina - un collegamento chiave tra il Vaticano e la Cina - e il Pontificio Istituto per le missioni straniere sono stati presi di mira.

"La sospetta intrusione in Vaticano offrirebbe a RedDelta informazioni sulla posizione negoziale della Santa Sede prima del rinnovo dell'accordo di settembre 2020", afferma il rapporto. 

Potrebbe anche fornire "preziose informazioni" sulla posizione delle entità cattoliche con sede a Hong Kong rispetto al movimento democratico.

Gli attacchi sono proseguiti almeno fino al 21 luglio. Hanno incluso un apparente tentativo di phishing con un documento sulla carta intestata del Segretariato di Stato vaticano diretto al capo della Missione di studio di Hong Kong in Cina.

I 12 milioni di cattolici stimati dalla Cina sono divisi tra quelli appartenenti all'Associazione patriottica cattolica cinese sostenuta dal governo, che è al di fuori dell'autorità del papa, e una chiesa sotterranea fedele al papa. Sacerdoti e parrocchiani sotterranei sono spesso detenuti e molestati.

Un importante accordo del 2018 tra la Santa Sede e la Cina sulle nomine dei vescovi mirava a unire il gregge, regolarizzando lo status di sette vescovi non riconosciuti da Roma e sciogliendo decenni di allontanamento tra Cina e Vaticano.

Ma alcuni fedeli clandestini della Cina hanno profonde riserve sull'accordo, vedendolo come una svendita al governo comunista e un tradimento della loro lunga lealtà verso il papa.

La Cina nega abitualmente di impegnarsi in un programma sponsorizzato dallo stato per rubare segreti commerciali o informazioni sensibili del governo su Internet e afferma che è tra le maggiori vittime di attacchi di pirateria informatica. Gli Stati Uniti contestano ciò e affermano che ha rintracciato le intrusioni informatiche nei militari cinesi. All'inizio di questo mese, Washington ha accusato due cittadini cinesi di aver presumibilmente lanciato attacchi di hacking contro società negli Stati Uniti e in altri paesi.

Il Dipartimento di Giustizia ha anche affermato che gli hacker che lavorano con il governo cinese hanno preso di mira aziende che sviluppano vaccini per il coronavirus . La Cina afferma che Washington non ha fornito informazioni a sostegno delle accuse.

Posted on

Author L'autore

Dario Fadda alias {Nuke}

Da sempre appassionato di informatica e del mondo open-source nel 2003 ho fondato il portale Spcnet.it per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo dei computers, con particolare attenzione alle tematiche di Sicurezza informatica, Malware e Ransomware, ma anche guide di Programmazione e utili suggerimenti per tutte le fasce di interesse.
Dal 2006 sono membro del Gulch (Gruppo Utenti Linux Cagliari), con cui cerco di dare il mio contributo attivo per eventi e LinuxDay.
Su Twitter segnalo e condivido nuovi Phishing pericolosi con approfondimenti sul Bank Security.

Ho ideato Hacker Alert per effettuare ricerche di vulnerabilità e phishing in tempo reale.

Praticamente per tutto ciò che scopro e che è degno di nota ne condivido il codice sorgente su Git Hub.
Per tutto il resto c'è Dario Fadda .it che contiene "quasi" tutto di me.