In che modo Apple monitora e blocca gli iPhone rubati durante le proteste

In che modo Apple monitora e blocca gli iPhone rubati durante le proteste

Le proteste dopo il caso George Floyd hanno portato a molteplici manifestazioni, nelle quali alcune persone hanno approfittato per impegnarsi nel saccheggio delle piccole imprese e dei grandi magazzini, con i negozi Apple che sono uno degli obiettivi più frequenti, come menzionato dagli esperti di sensibilizzazione alla sicurezza delle informazioni.

Dopo una settimana di proteste, la società ha rilevato il saccheggio in quattro diversi Apple Store, portando al furto di migliaia di dollari di merce (e centinaia di iPhone, iPad e Apple Watch persi).

Tuttavia, i saccheggiatori hanno trovato una sorpresa quando hanno cercato di accedere a questi dispositivi: un messaggio di Apple che li informava che questi dispositivi erano bloccati perché venivano rimossi da uno dei loro negozi.

Secondo gli esperti di sensibilizzazione sulla sicurezza delle informazioni, quando l'azienda rileva che uno dei suoi dispositivi viene rimosso illegalmente da un Apple Store, un certo numero di sensori di prossimità esegue un blocco istantaneo, quindi i ladri non possono utilizzare i beni rubati. Un utente di Twitter (@onlyfanobtainer) ha condiviso un'immagine del messaggio che appare sui dispositivi rubati, in cui Apple richiede che la merce venga restituita al negozio.

josh (apex male)@onlyfanobtainer

Nah son I swear to god I’d be heated 😭😭😭

View image on Twitter
7,983 people are talking about this

"Ti preghiamo di tornare al negozio interessato. Questo dispositivo è stato disabilitato e viene monitorato. Le autorità locali saranno avvisate", avverte Apple.

Mentre è improbabile che la società recuperi i dispositivi rubati, rubare i dispositivi Apple direttamente dai negozi diventa poco attraente per i criminali, poiché è molto complicato ripristinare un dispositivo bloccato in questo modo.

Posted on