In che modo COVID-19 ha influenzato i team di sicurezza informatica

In che modo COVID-19 ha influenzato i team di sicurezza informatica

COVID-19 ha avuto un impatto sulla vita lavorativa di milioni, compresi i professionisti della sicurezza informatica. Sebbene la buona sicurezza informatica sia costruita sull'anticipazione delle minacce e sulla difesa da ciò che potrebbe accadere, nessuno si aspettava lo sconvolgimento totale delle strutture di lavoro quotidiane. I team di sicurezza informatica sono sfidati a proteggere reti, dispositivi e dati a cui si accede da remoto mentre lavorano in remoto da soli.

(ISC) 2 ha condotto un sondaggio tra i professionisti della sicurezza informatica per scoprire in che modo gli ordini COVID-19 e di soggiorno a casa hanno influito sulla loro vita lavorativa, nonché alcuni dei problemi legati alla sicurezza di una forza lavoro remota.

"L'obiettivo del sondaggio era quello di prendere il polso della comunità della sicurezza informatica, poiché molte delle loro organizzazioni hanno iniziato a spostare le basi dei dipendenti e le operazioni verso le installazioni remote a marzo e aprile", ha dichiarato il COO (ISC) 2 Wesley Simpson in una dichiarazione formale. In collaborazione con i risultati del sondaggio, (ISC) 2 ha pubblicato un webinar esaminando ciò che è stato appreso finora dal COVID-19 dal punto di vista della sicurezza.

Come sono cambiati i lavori di Cybersecurity

Tre quarti dei 342 intervistati hanno dichiarato che il loro lavoro è cambiato da quando COVID-19 è entrato in scena, con il 35% che afferma che le loro mansioni di sicurezza informatica sono cambiate in modo significativo. Uno dei maggiori cambiamenti è la mentalità da lavoro da casa, e quasi la metà degli intervistati ha affermato che almeno alcuni dei cambiamenti includevano il trasferimento da alcune o tutte le loro attività di sicurezza per aiutare con altre attività legate all'IT come installazione di stazioni di lavoro mobili. Il relatore dei webinar Kris Rosson, responsabile della sicurezza IT presso Chumash Casino Resort, ha affermato che la cultura del suo posto di lavoro non ha incoraggiato una forza lavoro remota in passato, ma il virus è cambiato da un giorno all'altro. Hanno dovuto affrettarsi per ottenere a tutti le attrezzature di cui avevano bisogno e garantire rapidamente le licenze software per questi nuovi dispositivi.

Mentre le stesse aziende sono state suddivise in modo sorprendentemente uniforme su una forza lavoro remota totale rispetto a una forza lavoro parzialmente remota, la stragrande maggioranza dei professionisti della sicurezza ha affermato di lavorare da casa. Coloro che non tendono ad essere in settori come l'assistenza sanitaria, dove sono considerati essenziali per mantenere le reti in sicurezza o i loro compiti devono essere svolti in loco. In alcuni casi, il personale di sicurezza sta ruotando i turni in ufficio, quindi c'è sempre qualcuno che tiene d'occhio le cose riconoscendo le distanze sociali.

Sebbene vi sia stato un picco negli incidenti di sicurezza, la maggior parte ha riferito che il numero di incidenti è stato più o meno lo stesso da quando il lavoro da casa è diventato la norma. La stragrande maggioranza delle aziende considera la cybersecurity come una funzione essenziale in questo momento, ma le risposte sono contrastanti quando viene chiesto se hanno gli strumenti necessari per supportare in modo sicuro una forza lavoro remota e se sono in grado di utilizzare le migliori pratiche.

Currently there are no comments, so be the first!