Israele collegato a un dirompente attacco informatico all'impianto portuale iraniano

Israele collegato a un dirompente attacco informatico all'impianto portuale iraniano

Il 9 maggio, il traffico marittimo nel vivace terminal portuale iraniano di Shahid Rajaee si è arrestato bruscamente e inspiegabilmente. I computer che regolano il flusso di navi, camion e merci si sono tutti schiantati contemporaneamente, creando enormi backup su vie navigabili e strade che conducono alla struttura.

Dopo aver atteso un giorno, i funzionari iraniani hanno riconosciuto che uno sconosciuto hacker straniero aveva brevemente messo fuori uso i computer del porto.

Il Washington Post ha citato funzionari dell'intelligence e della sicurezza informatica che hanno familiarità con la situazione dicendo che lo sciopero dei computer è stato condotto da agenti israeliani, "presumibilmente in rappresaglia per un precedente tentativo di penetrare nei computer che gestiscono sistemi di distribuzione idrica rurale in Israele".

L'Iran ha confermato l'attacco informatico alla struttura il giorno dopo che è stato colpito, ma ha ridotto la sua gravità.

Citando fonti di intelligence straniere, l'8 maggio il Post hanno riferito che l'Iran era responsabile di un attacco informatico alle reti di distribuzione idrica in Israele, ma è stato respinto senza alcun danno. L'Iran ha negato il coinvolgimento nel fallito hacking del 24 aprile.

I funzionari israeliani non hanno risposto alle richieste di commento, afferma il rapporto.

Currently there are no comments, so be the first!