L’Fbi sblocca iPhone dell’assassino Mohammed Saeed Alshamrani, senza Apple

L’Fbi sblocca iPhone dell’assassino Mohammed Saeed Alshamrani, senza Apple

Lunedì l'FBI ha dichiarato di aver scoperto come sbloccare gli iPhone dell’assassino che ha ucciso tre giovani studenti della US Navy e ferito otto in una base navale di Pensacola, in Florida, nel dicembre 2019.

Non grazie a te, Apple, il procuratore generale William P. Barr ha dichiarato in un comunicato stampa :

Grazie all'ottimo lavoro dell'FBI - e no grazie ad Apple - siamo riusciti a sbloccare i telefoni di Alshamrani.

Barr ha emesso più volte chiamate pubbliche per backdoor di crittografia.

Lunedì l'AG si è unito al direttore dell'FBI Christopher Wray in una conferenza stampavirtuale. Barr ha sfruttato l'opportunità per chiedere ancora una volta una "soluzione legislativa" al blocco della crittografia di Apple, mentre Wray ha fatto riferimento al "problema Apple" dell'FBI.

Entrambi hanno dato una pacca sulla spalla ai lavoratori dell'FBI per i mesi trascorsi lavorando per sbloccare gli iPhone danneggiati.

A gennaio, a seguito delle sparatorie, l'ufficio aveva chiesto alla Apple di aiutarla a sbloccare due iPhone appartenuti all'assassino Mohammed Saeed Alshamrani. Sempre a gennaio, il Dipartimento di giustizia (DOJ) ha affermato che le sue indagini hanno dimostrato che l'incidente è stato un atto di terrorismo, motivato dall'ideologia jihadista. Il 2 febbraio, al-Qaeda nella penisola arabica (AQAP) ha rivendicato la responsabilità della sparatoria.

L'FBI aveva ottenuto un mandato di comparizione che gli consentiva di cercare contenuti sugli iPhone, entrambi protetti da password e uno dei quali Alshamrani ha fatto un buco di proiettile, complicando ulteriormente la scienza forense sul dispositivo e sui suoi dati.

Un comunicato stampa dell'FBI relativo alla conferenza di lunedì includeva una foto del buco in un iPhone e un avviso iPhone che diceva "Solo fornitore di servizi autorizzato".


Apple ha accusato di ritardare le indagini

Il DOJ è riuscito a decifrare gli iPhone. Perché, quindi, sente il bisogno di rimproverare Apple? Questa volta, incolpa la crittografia dell'azienda per aver causato un ritardo nelle relative indagini sulla sicurezza nazionale. Il rifiuto dell'azienda di indebolire la crittografia ha significato che i suoi agenti non sapevano cosa chiedere o cosa cercare, Wray ha detto. Pertanto, hanno perso tempo a rintracciare qualsiasi cosa, incapaci di concentrarsi sui lead più probabili:

All'indomani dell'attacco, noi e i nostri partner della Task Force congiunta sul terrorismo abbiamo lavorato con urgenza per raccogliere e analizzare le prove. Nelle settimane immediatamente successive al 6 dicembre, abbiamo condotto oltre 500 interviste a testimoni, personale di base e amici, compagni di classe e collaboratori del tiratore, tra molti altri sforzi. Poiché le prove cruciali sui telefoni dell'assassino ci sono state tenute nascoste, abbiamo fatto tutto ciò che investigava non sapendo cosa facciamo ora: preziosa intelligenza su cosa chiedere, cosa cercare. Se lo avessimo fatto, il nostro sforzo 24 ore su 24 sul ponte sarebbe stato molto più produttivo.

Posted on

Author L'autore

Dario Fadda alias {Nuke}

Da sempre appassionato di informatica e del mondo open-source nel 2003 ho fondato il portale Spcnet.it per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo dei computers, con particolare attenzione alle tematiche di Sicurezza informatica, Malware e Ransomware, ma anche guide di Programmazione e utili suggerimenti per tutte le fasce di interesse.
Dal 2006 sono membro del Gulch (Gruppo Utenti Linux Cagliari), con cui cerco di dare il mio contributo attivo per eventi e LinuxDay.
Su Twitter segnalo e condivido nuovi Phishing pericolosi con approfondimenti sul Bank Security.

Ho ideato Hacker Alert per effettuare ricerche di vulnerabilità e phishing in tempo reale.

Praticamente per tutto ciò che scopro e che è degno di nota ne condivido il codice sorgente su Git Hub.
Per tutto il resto c'è Dario Fadda .it che contiene "quasi" tutto di me.