L'aumento della Sex-estorsione online

L'aumento della Sex-estorsione online

Mentre la pandemia di coronavirus si è diffusa in tutto il mondo, i criminali informatici hanno approfittato del caos per aumentare l'attività e trovare nuovi modi per provocare il caos nel mondo. Gli attacchi di hacking e ransomware sono tutti attivi, ma forse anche una delle forme meno note di attacco informatico è in aumento.

Dato che milioni di persone in tutto il mondo sono state confinate nelle loro case a seguito della guida emessa dallo stato per metà della diffusione del virus, le reti pornografiche hanno risposto aprendo i loro archivi gratuitamente agli utenti. In risposta, Pornhub ha riportato un aumento del 18% del traffico, con picchi che in genere si surriscaldano a seguito dell'introduzione di misure di allontanamento sociale.

Criminalità legata al sesso

Forse non dovrebbe sorprendere, quindi, che anche gli episodi di sestorsione siano in aumento. Una nuova ricerca della Michigan State University rivela che è aumentata in modo significativo negli ultimi mesi, con il blocco che ha svolto un ruolo importante nell'aumento.

La sestorsione è quando immagini o video intimi vengono catturati senza il permesso dell'individuo e quelle immagini vengono quindi utilizzate per estorcere denaro dalla vittima. Perché l'aumento della visione pornografica durante il blocco ci rende particolarmente vulnerabili a questo tipo di estorsione è che non richiede necessariamente che gli aggressori abbiano effettivamente immagini intime di noi. Il semplice rischio che tali immagini possano essere state scattate a nostra insaputa è spesso sufficiente a incoraggiare le vittime a pagare. Gli aggressori stanno attingendo alla paura di non sapere se la minaccia è reale o meno.

I ricercatori ritengono che l'attenzione della società su questioni come la vendetta porno, in cui le leggi sono generalmente piuttosto solide, potrebbero incoraggiarci a trascurare i potenziali rischi associati alla sestorsione e esortano i legislatori a garantire che le attuali normative tengano conto anche di questa forma crescente di criminalità informatica.

Suggeriscono che la base della nostra paura deriva dall'idea che gli hacker sono in grado di fare qualsiasi cosa, che si tratti di visualizzare la nostra cronologia di navigazione, hackerare il nostro altoparlante intelligente o catturare la nostra webcam. Le persone credono che tutte queste cose siano possibili, e spesso possibili a loro insaputa, il che rende il rischio di sottrazione così viscerale in quanto non abbiamo la capacità di valutare veramente se un hacker sta bluffando o meno.

Anche il fattore imbarazzo gioca un ruolo, con gli uomini che hanno meno probabilità di denunciare tali crimini alla polizia rispetto alle donne, non solo a causa della vergogna associata al fatto che le immagini intime siano di dominio pubblico, ma anche alle loro abitudini pornografiche oggetto di indagine.

Come tale, la ricerca rivela che le vittime più comuni di tali attacchi sono minori e femmine, ma quando il denaro è l'obiettivo chiave dell'attaccante, di solito prendono di mira uomini che spesso vogliono solo che il problema scompaia il più rapidamente e silenziosamente possibile .

Diverse forme di estorsione

L'analisi ha rivelato quattro distinte forme di estorsione:

  1. Attacchi contro persone di età inferiore ai 18 anni
  2. Attacchi utilizzando l'hacking del computer
  3. Attacchi che coinvolgono quelli a noi noti, che di solito significa partner attuali o ex
  4. Attacchi agli sconosciuti, di solito per motivi finanziari

Ognuna di queste quattro forme di sestorsione ha approcci e motivazioni molto diversi. Si verificano anche in frequenze diverse, con lo studio che rivela che il 46% delle vittime della sextortion erano minorenni, che i ricercatori ritengono che dovrebbero incoraggiare le forze dell'ordine a concentrare i propri sforzi in questo settore.

Rivelano che la crescente attività dei giovani online ha portato all'elaborazione di leggi per proteggerli dalla sollecitazione sessuale online, ma esistono poche tutele legali per le vittime adulte. Mentre le nostre vite sessuali si spostano sempre più online, i ricercatori stanno anche vedendo emergere una gamma crescente di casi.

Ad esempio, la sextortion viene sempre più diffusa in un contesto di violenza domestica, con i partner che avevano precedentemente condiviso immagini in modo consensuale e poi sono stati ricattati da partner che usano le immagini come leva. È anche un'impresa commerciale in crescita, con le imprese che emergono per indurre le persone a impegnarsi in sessioni in webcam e quindi a minacciare di rilasciare il filmato a meno che non venga pagato un riscatto.

Mentre i ricercatori sollecitano i legislatori a inasprire le normative, esortano anche ad aumentare gli sforzi educativi in ​​modo che le persone, e in particolare i minori, siano consapevoli dei rischi e agiscano in sicurezza online.

"Come cittadini digitali, dobbiamo iniziare a sostenere una maggiore responsabilità da parte delle piattaforme per smantellare queste immagini o denunciare molestie", scrivono. “Molti reati offline hanno una componente online e spesso le forze dell'ordine e il nostro comportamento non riescono a recuperare. Dobbiamo pensare alla nostra sicurezza personale, sia offline che online."

Posted on