La Norvegia afferma che gli hacker russi erano responsabili dell'attacco al Parlamento di agosto

La Norvegia afferma che gli hacker russi erano responsabili dell'attacco al Parlamento di agosto

Il ministro degli Affari esteri norvegese Ine Eriksen Søreide ha affermato oggi che la Russia è dietro l'attacco informatico dell'agosto 2020 al parlamento norvegese (Stortinget).

"Il 24 agosto, lo Storting ha annunciato una violazione dei dati nei loro sistemi di posta elettronica", ha detto Søreide in un comunicato stampa pubblicato oggi dopo un briefing che includeva anche il ministro della Difesa Frank Bakke-Jensen.

"Sulla base delle informazioni di cui dispone il governo, è nostra valutazione che la Russia sia dietro questa attività".

"Questo è un grave incidente che colpisce la nostra più importante istituzione democratica", ha aggiunto Søreide.

Sistema di posta elettronica interno del Parlamento norvegese violato

Gli aggressori dietro l'attacco informatico al parlamento norvegese hanno ottenuto con successo l'accesso a un numero limitato di account di posta elettronica di rappresentanti e dipendenti, come ha affermato all'epoca il direttore di Stortinget Marianne Andreassen.

Una dichiarazione pubblicata sul sito del parlamento il 1 settembre 2020, afferma che hanno poi rubato i dati da ciascuno degli account di posta elettronica compromessi.

Gli investigatori non hanno ancora rivelato quali dati siano stati esfiltrati dagli aggressori dalle caselle di posta elettronica parlamentari compromesse.

Il Center Party ha confermato che rappresentanti e dipendenti sono stati colpiti durante la violazione della sicurezza.

Anche il responsabile delle comunicazioni del partito laburista norvegese Jarle Roheim Håkonsen ha confermato che i dipendenti e i politici del partito laburista sono stati colpiti dall'attacco.

I servizi di sicurezza e intelligence norvegesi gestiscono congiuntamente le indagini in corso coordinate dal Centro comune di coordinamento informatico.

Anche l'Autorità per la sicurezza nazionale norvegese (NSM), un'agenzia governativa per la sicurezza informatica responsabile del coordinamento della squadra nazionale di risposta alle emergenze informatiche (NorCERT) del paese, sta assistendo alle indagini.

"Si raccomanda a tutte le aziende di seguire le raccomandazioni della National Security Authority (NSM) sulle password e i principi di base di NSM per la sicurezza ICT", ha detto Søreide.

"La violazione dei dati dimostra l'importanza di buone misure di sicurezza. Il nostro crescente utilizzo di soluzioni digitali significa che le minacce contro di noi si stanno spostando anche sulle superfici digitali", ha concluso il ministro degli Affari esteri norvegese .

"Il governo continuerà i suoi sforzi per rafforzare la nostra sicurezza digitale a livello nazionale e rafforzare la cooperazione a livello internazionale".


Aggiornamento 13 ottobre, 15:05 EDT: la Russia ha ufficialmente negato le accuse dicendo che non ci sono prove secondo l'agenzia di stampa TASS.

"Come al solito, le accuse vengono mosse senza alcuno sforzo per presentare alcuna prova o per proporre di discutere l'incidente a livello di esperti", ha detto in una dichiarazione Konstantin Kosachev, capo della commissione per gli affari esteri del Consiglio della Federazione russa.

Posted on

Author L'autore

Dario Fadda alias {Nuke}

Da sempre appassionato di informatica e del mondo open-source nel 2003 ho fondato il portale Spcnet.it per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo dei computers, con particolare attenzione alle tematiche di Sicurezza informatica, Malware e Ransomware, ma anche guide di Programmazione e utili suggerimenti per tutte le fasce di interesse.
Dal 2006 sono membro del Gulch (Gruppo Utenti Linux Cagliari), con cui cerco di dare il mio contributo attivo per eventi e LinuxDay.
Su Twitter segnalo e condivido nuovi Phishing pericolosi con approfondimenti sul Bank Security.

Ho ideato Hacker Alert per effettuare ricerche di vulnerabilità e phishing in tempo reale.

Praticamente per tutto ciò che scopro e che è degno di nota ne condivido il codice sorgente su Git Hub.
Per tutto il resto c'è Dario Fadda .it che contiene "quasi" tutto di me.