La polizia bulgara arresta l'hacker Instakilla

La polizia bulgara arresta l'hacker Instakilla

Le forze dell'ordine bulgare hanno arrestato mercoledì un hacker locale che si chiama Instakilla con l'accusa di pirateria informatica, estorsione di società e vendita di dati hackerati online.

Le autorità hanno fatto irruzione in due delle residenze degli hacker a Plovdiv, una città nella Bulgaria centrale, e hanno confiscato diversi computer, smartphone, unità flash e criptovaluta, secondo un comunicato stampa del Ministero degli interni.

L'hacker è stato identificato come un giovane maschio bulgaro. Il suo nome non è stato rilasciato al pubblico ed è attualmente detenuto con un mandato di arresto di tre giorni.

Prima del suo arresto questa settimana, l'hacker è stato un punto fermo sulla scena degli hacker clandestini. È attivo dal 2017 ma solo di recente è diventato famoso.

Sebbene non sia stato direttamente coinvolto nell'hacking dell'Agenzia nazionale delle entrate bulgara (NRA) nell'estate del 2019, Instakilla è uno degli hacker che ha rintracciato il database e in seguito lo ha offerto per il download su un popolare forum di hacking, aiutando i dati diffuso nella comunità degli hacker.

L'hacker gestiva anche un sito Web in cui offriva servizi di hacker a noleggio.

Le versioni precedenti di questo sito web erano indicizzate dalla Wayback Machine e includevano collegamenti all'account Facebook di un individuo bulgaro. L'account, prima di essere cancellato, apparteneva a un giovane maschio di Plovdiv, quando ZDNet ha esaminato la pagina l'anno scorso durante la nostra storia di hacking della NRA.

All'inizio di quest'anno, l'hacker si è anche preso il merito di aver hackerato il forum di Stalker, un gioco sparatutto online russo in prima persona, da cui ha rubato più di 1,2 milioni di record degli utenti, che ha poi messo in vendita su un forum di hacking.

Sullo stesso forum, l'hacker gestiva anche un cosiddetto negozio, dove vendeva i dati di più aziende, comprese due entità bulgare: un provider di hosting locale senza nome e un servizio di posta elettronica senza nome.

La maggior parte delle entità violate erano forum e, sulla base delle conversazioni che ZDNet ha avuto con l'hacker a maggio, Instakilla sembra essere stato un fan accanito dell'utilizzo di exploit vBulletin per prendere di mira forum senza patch e rubare i loro database.

Posted on

Author L'autore

Dario Fadda alias {Nuke}

Da sempre appassionato di informatica e del mondo open-source nel 2003 ho fondato il portale Spcnet.it per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo dei computers, con particolare attenzione alle tematiche di Sicurezza informatica, Malware e Ransomware, ma anche guide di Programmazione e utili suggerimenti per tutte le fasce di interesse.
Dal 2006 sono membro del Gulch (Gruppo Utenti Linux Cagliari), con cui cerco di dare il mio contributo attivo per eventi e LinuxDay.
Su Twitter segnalo e condivido nuovi Phishing pericolosi con approfondimenti sul Bank Security.

Ho ideato Hacker Alert per effettuare ricerche di vulnerabilità e phishing in tempo reale.

Praticamente per tutto ciò che scopro e che è degno di nota ne condivido il codice sorgente su Git Hub.
Per tutto il resto c'è Dario Fadda .it che contiene "quasi" tutto di me.