La rivalità amara tra Israele e Iran prende nuove forme online

Siti Web hackerati in Israele, un attacco informatico segnalato in Iran e una guerra su Twitter tra i loro leader: l'animosità dei nemici dell'arco sta divampando online.

Le ultime raffiche in Israele e la rivalità di lunga data dell'Iran coincidono con il ventesimo anniversario del ritiro dell'esercito israeliano dal Libano meridionale, costretto ad uscire dal gruppo militante Hezbollah, appoggiato dall'Iran.

Vengono anche prima del giorno di Gerusalemme di venerdì, che spesso vede aumentare le tensioni.

Mentre gli israeliani celebrano la loro cattura del 1967 nella parte orientale della città santa, l'Iran commemora la giornata con eventi che segnano i collegamenti palestinesi e musulmani con la città santa, esponendo la sua opposizione al sionismo - l'ideologia fondante di Israele.

"Sosterremo e assisteremo qualsiasi nazione o gruppo in qualsiasi luogo che si opponga e combatta il regime sionista", ha twittato mercoledì il supremo leader iraniano Ayatollah Ali Khamenei.

Chiede che la "difesa" dei palestinesi e che "i delinquenti come il (primo ministro israeliano Benjamin) Netanyahu" vengano rovesciati.

"La natura del regime sionista è incompatibile con la pace, perché i sionisti cercano di espandere i loro territori", ha aggiunto.

Netanyahu ha fatto esplodere Khamenei in una risposta su Twitter mercoledì notte.

"Dovrebbe sapere che qualsiasi regime che minaccia Israele di sterminio si troverà in un simile pericolo", ha scritto il premier israeliano sul suo resoconto ufficiale in ebraico.

Il lead-up al Jerusalem Day ha anche visto un poster salire sul sito web di Khamenei, proclamando che "la Palestina sarà libera", con lo slogan "La soluzione finale: la resistenza fino al referendum".

Un post di accompagnamento ha spiegato che un plebiscito potrebbe decidere "il governo di governare sulla terra di Palestina".

Giovedì, il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha risposto a Netanyahu.

"Disgustoso che coloro la cui civiltà ha trovato una" soluzione finale "nelle camere a gas attacca coloro che cercano una soluzione reale alle urne, attraverso un REFERENDUM", ha twittato.

"Perché gli Stati Uniti e l'Occidente hanno tanta paura della democrazia?"

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha denunciato le "disgustose e odiose osservazioni antisemite" di Khamenei, mentre una fonte del ministero degli Esteri tedesco ha affermato che "tali dichiarazioni anti-israeliane sono assolutamente inaccettabili. Il diritto di esistere di Israele non è negoziabile".

Minacce hacker

La mattina dopo il baratro di Twitter, gli israeliani si sono svegliati con una serie di attacchi informatici contro siti Web di aziende, comuni e ONG con un messaggio in ebraico e inglese: "il conto alla rovescia per la distruzione di Israele è iniziato molto tempo fa".

Un collegamento di accompagnamento ha portato a un video che mostra la capitale commerciale israeliana Tel Aviv in fiamme, con le parole "essere pronti per una grande sorpresa".

Non c'erano dettagli immediati sul gruppo che rivendicò l'attacco, nominandosi in inglese "Hackers of Savior".

All'inizio di questa settimana, il Washington Post ha riferito che Israele aveva lanciato un attacco informatico contro il porto iraniano di Shahid Rajaee, situato sullo stretto di Hormuz, una rotta vitale per il traffico internazionale di petrolio.

Si pensava che questo attacco fosse una rappresaglia per un attacco informatico contro installazioni idrauliche civili in Israele.

Le autorità israeliane non hanno confermato nessuno degli attacchi, ma hanno permesso al dubbio di soffermarsi su un linguaggio indiretto e talvolta metaforico.

"Il polpo iraniano sta inviando i suoi tentacoli per afferrarci da ogni direzione", ha detto il ministro della Difesa uscente Naftali Bennett questa settimana.

"Dobbiamo aumentare la pressione diplomatica, economica, militare e tecnologica e agire anche in altre dimensioni".

Il giorno successivo, il capo dell'esercito Kohavi disse: "Stiamo preparando vari mezzi e tecniche di combattimento uniche per danneggiare mortalmente il nemico".

Gli attacchi, se confermati, aggiungono una dimensione cibernetica a una serie di attacchi aerei israeliani contro gli interessi iraniani in Siria.

Teheran sostiene il regime del presidente siriano Bashar al-Assad e lo ha sostenuto militarmente.

Israele ha lanciato centinaia di scioperi in Siria dall'inizio della guerra civile nel 2011, colpendo le truppe del governo siriano, nonché le forze alleate iraniane e i combattenti di Hezbollah.
Giovedì l'esercito israeliano ha dichiarato di aver rilevato il desiderio tra le forze iraniane di ritirarsi in qualche modo dalle linee di fronte in Siria, in parte a causa della pandemia di coronavirus e della crisi economica in Iran.

"La cosa principale che vediamo sul terreno è un vettore generale di ritiro ... non massiccio, ma una postura generale di ritiro", ha detto l'esercito.

Ma, ha aggiunto, "gli iraniani stanno sicuramente provando diversi modi aggiuntivi per interagire con Israele".


Author

L'autore

Dario Fadda alias {Nuke}

Da sempre appassionato di informatica e del mondo open-source nel 2003 ho fondato il portale Spcnet.it per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo dei computers, con particolare attenzione alle tematiche di Sicurezza informatica, Malware e Ransomware, ma anche guide di Programmazione e utili suggerimenti per tutte le fasce di interesse.
Dal 2006 sono membro del Gulch (Gruppo Utenti Linux Cagliari), con cui cerco di dare il mio contributo attivo per eventi e LinuxDay.
Su Twitter segnalo e condivido nuovi Phishing pericolosi con approfondimenti sul Bank Security.

Ho ideato Hacker Alert per effettuare ricerche di vulnerabilità e phishing in tempo reale.

Praticamente per tutto ciò che scopro e che è degno di nota ne condivido il codice sorgente su Git Hub.
Per tutto il resto c'è Dario Fadda .it che contiene "quasi" tutto di me.

Currently there are no comments, so be the first!
intopic.it