Nessuna morte e una vita migliorata: il futuro è transumano?

La rivoluzione tecnologica del 21° secolo sta trasformando le vite umane in tutto il mondo

Gli obiettivi del movimento transumanista sono riassunti da Mark O’Connell nel suo libro To Be a Machine, che recentemente ha vinto il premio Wellcome Book.

“È la loro convinzione che possiamo e dovremmo sradicare l’invecchiamento come causa di morte; che possiamo e dovremmo usare la tecnologia per aumentare i nostri corpi e le nostre menti; che possiamo e dobbiamo fonderci con le macchine, rifacendoci, infine, nell’immagine dei nostri stessi ideali superiori”.

L’idea di migliorare tecnologicamente i nostri corpi non è nuova. Ma la misura in cui i transumanisti intendono questo concetto lo è. In passato, abbiamo realizzato dispositivi come gambe di legno, apparecchi acustici, occhiali e denti falsi. In futuro, potremmo utilizzare gli impianti per aumentare i nostri sensi in modo da poter rilevare direttamente le radiazioni infrarosse o ultraviolette o potenziare i nostri processi cognitivi collegandoci a chip di memoria. Alla fine, unendo uomo e macchina, la scienza produrrà esseri umani che hanno aumentato enormemente l’intelligenza, la forza e la durata della vita; una quasi incarnazione di dei terreni.

È un obiettivo desiderabile? I sostenitori del transumanesimo credono che ci siano ricompense spettacolari da ottenere oltre le naturali barriere e limitazioni che costituiscono un essere umano ordinario. Ma fare ciò solleverebbe una serie di problemi etici e dilemmi vari. Come indica il libro di O’Connell, le ambizioni del transumanesimo stanno ora sollevando la nostra agenda intellettuale. Ma questo è un dibattito che è appena all’inizio.

Non c’è dubbio che il miglioramento umano sta diventando sempre più sofisticato – come sarà dimostrato alla mostra The Future Starts Here che si apre al V & A museum di Londra questa settimana. Gli articoli esposti includeranno “abbigliamento potenziato” prodotto dalla società statunitense Seismic. Indossati sotto abiti regolari, questi abiti imitano la biomeccanica del corpo umano e offrono agli utenti – in genere agli anziani – una forza discreta quando ci si alza da una sedia o si sale le scale o si rimane in piedi per lunghi periodi di tempo.

In molti casi questi progressi tecnologici o medici sono fatti per aiutare i feriti, i malati o gli anziani, ma vengono poi adottati dai sani o dai giovani per migliorare il loro stile di vita o le prestazioni. La droga eritropoietina (EPO) aumenta la produzione di globuli rossi in pazienti con grave anemia, ma è stata anche considerata come un doping illecito per alcuni atleti che migliorava la capacità del loro flusso sanguigno per trasportare ossigeno ai muscoli.

E questo è solo l’inizio, dicono gli esperti. “Ci stiamo avvicinando al momento in cui, per alcuni tipi di sport su pista come lo sprint dei 100 metri, gli atleti che corrono con le pale in fibra di carbonio saranno in grado di superare quelli che corrono su gambe naturali”, afferma Blay Whitby, un esperto di intelligenza artificiale presso la Sussex University.

La domanda è: quando la tecnologia raggiunge questo livello, sarà etico permettere ai chirurghi di sostituire gli arti di qualcuno con le lame in fibra di carbonio proprio così che possano vincere medaglie d’oro? Whitby è sicuro che molti atleti cercheranno questo tipo di chirurgia. “Tuttavia, se una tale operazione venisse presentata, prima di qualsiasi commissione etica, non avrei alcun dubbio io personalmente. È un’idea ripugnante – rimuovere un arto sano per ottenere un guadagno transitorio.”

Tuttavia, non tutti in questo campo concordano con questo punto di vista. L’esperto di cibernetica Kevin Warwick, della Coventry University, non vede alcun problema nell’approvare la rimozione degli arti naturali e la loro sostituzione con lame artificiali. “Cosa c’è di sbagliato nel rimpiazzare pezzi imperfetti del tuo corpo con parti artificiali che ti permetteranno di ottenere prestazioni migliori – o che potrebbero permetterti di vivere più a lungo?” Dice.

Warwick è un appassionato di cibernetica che, nel corso degli anni, ha avuto diversi dispositivi elettronici impiantati nel suo corpo. “Uno mi ha permesso di sperimentare input ultrasonici. Mi ha dato il senso del pipistrello, per così dire. Ho anche interfacciato il mio sistema nervoso con il mio computer in modo da poter controllare una mano robotica e sperimentare ciò che toccava. L’ho fatto quando ero a New York, ma la mano era in un laboratorio in Inghilterra”.

Tali interventi migliorano la condizione umana, insiste Warwick, e indicano il tipo di futuro che gli umani potrebbero avere quando la tecnologia aumenta le prestazioni e i sensi. Alcuni potrebbero considerare questo non etico. Ma anche i dubbiosi come Whitby riconoscono che i problemi sono complessi. “E’ etico prendere due ragazze di età inferiore ai cinque anni e addestrarle a giocare a tennis tutti i giorni della loro vita fino a quando non hanno la muscolatura e gli scheletri dei campioni del mondo?” Chiede. Da questo punto di vista l’uso di protesi o farmaci per raggiungere lo stesso obiettivo non sembra così deplorevole.

Quest’ultimo punto è un problema particolare per coloro che sono interessati al movimento transumanista. Credono che la tecnologia moderna alla fine offra agli esseri umani la possibilità di vivere per eoni (un eone corrisponde a circa mezzo miliardo di anni), non bloccati – come sarebbero – dalle fragilità del corpo umano. Gli organi in fallimento verrebbero sostituiti da versioni high-tech più durature, proprio come le lame in fibra di carbonio potevano sostituire la carne, il sangue e l’osso degli arti naturali. Quindi metteremo fine alla dipendenza dell’umanità da “i nostri fragili corpi umani della versione 1.0 in una controparte 2.0 molto più duratura e capace”, come ha affermato un gruppo di ricerca di questo argomento.

Tuttavia, la tecnologia necessaria per raggiungere questi obiettivi si basa su sviluppi non ancora realizzati in ingegneria genetica, nanotecnologie e molte altre scienze e potrebbe richiedere molti decenni per raggiungere la fruizione. Di conseguenza, molti sostenitori – come l’inventore e imprenditore statunitense Ray Kurzweil, il pioniere delle nanotecnologie Eric Drexler e il fondatore e venture capitalist Peter Thiel di PayPal hanno sostenuto l’idea di conservare i loro corpi in azoto liquido e conservati criogenicamente fino a quando la scienza medica non raggiunga la fase in cui potranno essere rianimati e i loro corpi riesumati, potenziati e migliorati.

Sono stati costruiti quattro impianti criogenici: tre negli Stati Uniti e uno in Russia. La più grande è la Alcor Life Extension Foundation in Arizona, i cui frigoriferi immagazzinano più di 100 corpi (ciononostante definiti “pazienti” dallo staff) nella speranza del loro successivo scongelamento e risurrezione fisiologica. È “un luogo costruito per ospitare i cadaveri degli ottimisti”, come dice O’Connell in To Be a Machine.

Non tutti sono convinti della fattibilità di tale tecnologia o della sua desiderabilità. “Una volta sono stato intervistato da un gruppo di appassionati criogenici – con sede in California – conosciuti come la società per l’abolizione della morte involontaria”, ricorda l’astronomo Royal Martin Rees. “Ho detto loro che preferirei finire i miei giorni in un cimitero inglese piuttosto che in un frigorifero californiano. Mi hanno deriso come un mortalista – davvero vecchio stile”.

Da parte sua, Rees crede che coloro che scelgono di congelarsi nella speranza di essere alla fine scongelati potrebbero gravare sulle future generazioni che si aspettano di prendersi cura di questi individui appena scongelati. “Non è chiaro quanta considerazione meriterebbero”, aggiunge Rees.

In definitiva, i seguaci del transumanesimo prevedono un giorno in cui gli umani si libereranno da tutte le restrizioni corporali. Kurzweil e i suoi seguaci credono che questo punto di svolta sarà raggiunto intorno all’anno 2030, quando la biotecnologia consentirà un’unione tra umani e computer e sistemi di intelligenza artificiale genuinamente intelligenti. La mente uomo-macchina risultante diventerà libera di vagare per un universo della sua stessa creazione, caricandosi a sua volta su un “substrato computazionale opportunamente potente”. Diventeremo dei, o più probabilmente “bambini stella” simili a quello nel finale di 2001: Odissea nello spazio.

Questi sono obiettivi remoti e, per molte persone, molto fantasiosi. E il fatto che gran parte dell’impulso nello stabilire forme così estreme di tecnologia transumana viene dalla California e la Silicon Valley non si perde nei confronti della critica. Il fondatore di Tesla e SpaceX Elon Musk, l’imprenditore che vuole inviare la razza umana su Marte, crede anche che per evitare di diventare ridondante di fronte allo sviluppo dell’intelligenza artificiale, gli umani devono fondersi con le macchine per migliorare il nostro intelletto.

Questa è una parte del mondo in cui la cultura della giovinezza viene seguita con intensità fanatica e dove l’invecchiamento è temuto in modo più acuto che in qualsiasi altro posto sul pianeta. Da qui l’irresistibile voglia di provare a usare la tecnologia per superare i suoi effetti.

È anche una delle regioni più ricche del mondo e molti di coloro che mettono in discussione i valori del movimento transumano avvertono che rischia di creare tecnologie che creeranno solo abissi più profondi in una società già divisa in cui solo alcune persone saranno in grado di potersi permettere di migliorare mentre molti altri rimarranno perduti.

La posizione è riassunta da Whitby. “La storia è piena delle conseguenze negative di un gruppo di esseri umani che crede di essere superiori a un altro gruppo di umani”, ha affermato. “Sfortunatamente nel caso di umani potenziati saranno davvero superiori. Dobbiamo pensare alle implicazioni prima che sia troppo tardi.”

Da parte loro, i transumanisti sostengono che i costi del miglioramento inevitabilmente caleranno e porteranno all’esempio del telefono cellulare, che una volta era così costoso che solo i più ricchi potevano permetterselo, ma che oggi è un gadget universale di proprietà di quasi tutti i membri della società. Tale ubiquità diventerà una caratteristica delle tecnologie per l’aumento di uomini e donne, insistono i sostenitori.

Molte di queste questioni sembrano remote, ma gli esperti avvertono che le implicazioni implicite devono essere discusse con urgenza. Un esempio è fornito dalla mano artificiale sviluppata dall’università di Newcastle. Gli arti protesici attuali sono limitati dalla loro velocità di risposta. Ma il capo del progetto Kianoush Nazarpour crede che sarà presto possibile creare mani bioniche in grado di valutare un oggetto e decidere istantaneamente quale tipo di presa si dovrebbe adottare.

“Sarà di enorme beneficio, ma il suo uso solleva ogni sorta di problemi. Chi lo possederà: chi lo indossa o il Sistema Sanitario Nazionale? E se è usato per portare un crimine, chi alla fine sarà responsabile del suo controllo? Non stiamo pensando a queste implicazioni e questa è una preoccupazione”.

La posizione è riassunta dal professore bioeticista Andy Miah della Salford University.

“Il transumanesimo è prezioso e interessante dal punto di vista filosofico perché ci fa pensare in modo diverso alla gamma di cose che gli esseri umani potrebbero essere in grado di fare – ma anche perché ci fa pensare in modo critico ad alcune di quelle limitazioni che pensiamo ci siano ma che in realtà possiamo  superare”, dice. “Dopotutto stiamo parlando del futuro della nostra specie.”

Arti

Gli arti artificiali di Luke Skywalker e Six Million Dollar Man sono opere di finzione. In realtà, le membra bioniche hanno sofferto di molteplici problemi: ad esempio, diventare una mid-action rigida. Ma le nuove generazioni di sensori rendono ora possibile che gambe e braccia artificiali si comportino in modi molto più complessi e umani.

Sensi

La luce visibile agli esseri umani esclude sia la radiazione infrarossa che quella ultravioletta. Tuttavia, i ricercatori stanno lavorando su come estendere le lunghezze d’onda della radiazione che possiamo rilevare, permettendoci di vedere più parti del mondo – e in una luce diversa. Idee come queste sono particolarmente apprezzate dai ricercatori militari che cercano di creare soldati cyborg.

Potenza

Le tute elettriche o gli esoscheletri sono macchine mobili indossabili che consentono alle persone di muovere gli arti con maggiore forza e resistenza. Diverse versioni sono state sviluppate dall’esercito statunitense, mentre i ricercatori medici stanno lavorando su versioni facili da indossare che sarebbero in grado di aiutare le persone con gravi condizioni mediche o che hanno perso gli arti per muoversi naturalmente.

Cervelli

I transumanisti immaginano il giorno in cui chip di memoria e percorsi neuronali sono effettivamente incorporati nel cervello delle persone, evitando così la necessità di utilizzare dispositivi esterni come i computer per accedere ai dati e per effettuare calcoli complicati. La linea tra umanità e macchine diventerà sempre più sfocata.

Avvia una discussione su questo tema per coinvolgere i lettori con le tue opinioni