PayPal lancia una criptovaluta?

Paypal potrebbe aver in programma di fare una Libra secondo i commenti inviati alla Commissione europea che ha aperto una consultazione pubblica su risorse digitali e criptovalute.

In quei commenti rivelano piani potenzialmente più olistici della semplice offerta di acquisto e vendita di bitcoin ed ethereum, come si vocifera.

Spiegando perché a sinistra il consorzio guidato da Facebook per una cripto blockchain, la Libra, Paypal ha rivelato di avere i propri piani, affermando:

“In quanto azienda innovativa FinTech e in virtù della sua missione, PayPal sta monitorando l'evoluzione dello spazio cripto-attivo.
Nel 2019, PayPal inizialmente ha firmato una lettera di intenti non vincolante per partecipare all'Associazione Libra con l'intenzione di saperne di più sull'uso proposto delle tecnologie blockchain per fornire servizi finanziari alle popolazioni non bancate in tutto il mondo.

Fin dall'inizio del progetto, PayPal ha adottato misure unilaterali e tangibili per sviluppare ulteriormente le sue capacità in questo settore e, quindi, senza mettere in discussione il valore del progetto, ha deciso di non partecipare all'Associazione Libra e di continuare a concentrarsi sull'avanzamento del nostro le attuali missioni e priorità aziendali per democratizzare l'accesso ai servizi finanziari".

Non c'è molto che possa essere letto nell'istruzione precedente, tranne per il fatto che confermano che stanno pianificando qualcosa a che fare con criptovaluta.

Ciò che comporta esattamente non è chiaro, ma potrebbero pianificare una stablecoin propria e forse anche la propria blockchain.

Entrambi presumibilmente giudicherebbero i requisiti normativi. Inoltre, la loro blockchain finanziaria controllata potrebbe essere improbabile poiché quel tipo di informazioni probabilmente sarebbe trapelato ormai.

Paypal, tuttavia, chiede alla Commissione europea di assumere un punto di vista sulla neutralità tecnologica, chiedendo ulteriormente requisiti normativi e di licenza per le società di cripto-blockchain.

Suggerendo che potrebbero cercare di mantenere la propria posizione soprattutto per quanto riguarda i trasferimenti internazionali, quindi potrebbero anche lanciare un portafoglio crittografico per bitcoin, eth e altri asset digitali, nonché potenzialmente uno stablecoin che forse funziona anche sulla propria blockchain, come Libra.

Oppure potrebbero benissimo lanciarlo su ethereum con il computer di tutto il mondo Turing che consente la mutabilità all'interno di contratti intelligenti se sono così progettati.

Ciò consentirebbe a Paypal di conformarsi a tutte le normative che i loro circa 300 milioni di utenti soddisfano già, aprendo potenzialmente un ulteriore accesso alle criptovalute per gli utenti di Paypal e l'accesso a un nuovo mercato per bitcoin ed ethereum.


Author

L'autore

Dario Fadda alias {Nuke}

Da sempre appassionato di informatica e del mondo open-source nel 2003 ho fondato il portale Spcnet.it per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo dei computers, con particolare attenzione alle tematiche di Sicurezza informatica, Malware e Ransomware, ma anche guide di Programmazione e utili suggerimenti per tutte le fasce di interesse.
Dal 2006 sono membro del Gulch (Gruppo Utenti Linux Cagliari), con cui cerco di dare il mio contributo attivo per eventi e LinuxDay.
Su Twitter segnalo e condivido nuovi Phishing pericolosi con approfondimenti sul Bank Security.

Ho ideato Hacker Alert per effettuare ricerche di vulnerabilità e phishing in tempo reale.

Praticamente per tutto ciò che scopro e che è degno di nota ne condivido il codice sorgente su Git Hub.
Per tutto il resto c'è Dario Fadda .it che contiene "quasi" tutto di me.

Currently there are no comments, so be the first!
intopic.it