PimEyes: una via di mezzo tra riconoscimento facciale e problemi di privacy

PimEyes: una via di mezzo tra riconoscimento facciale e problemi di privacy

Qualche anno fa il riconoscimento facciale sembrava una tecnologia riservata solo alle agenzie di intelligence più avanzate al mondo, sebbene ciò sia cambiato notevolmente. Gli esperti di formazione sulla sicurezza dei dati sottolineano il numero crescente di utenti su PimEyes, un sito Web polacco che utilizza il riconoscimento facciale per cercare immagini di una persona in tutto il Web, tutto ciò che agli utenti viene richiesto è un'immagine della persona che cercheranno.

Gli utenti di questo sito Web possono caricare foto disponibili sui social network, account WhatsApp, piattaforme di notizie o qualsiasi sito disponibile, quindi PimEyes lancerà all'utente tutte le foto in cui compaiono persone simili all'immagine inserita sul sito Web. La versione standard di PimEyes (gratuita) potrebbe garantire centinaia di risultati simili, aggiungendo una "scala di corrispondenza" da 1 a 5, osserva un rapporto MailOnline.

Va detto che questa versione gratuita fornisce anche informazioni sul sito in cui sono state trovate immagini simili, sebbene non fornisca un URL esatto o altri dati aggiuntivi.

Gli utenti possono anche utilizzare una versione premium di questo servizio (per circa $ 15 USD al giorno); la versione a pagamento fornisce ai clienti informazioni accurate e dettagliate sulla provenienza delle immagini. La versione Premium consente inoltre agli utenti di abilitare gli avvisi che notificheranno quando una foto simile viene pubblicata su qualsiasi piattaforma online, come menzionato dagli esperti di formazione sulla sicurezza dei dati. Gli utenti della versione a pagamento saranno in grado di impostare fino a 25 avvisi, il che consentirebbe anche il monitoraggio dettagliato delle attività dell'utente di destinazione.

Come se ciò non bastasse, PimEyes offre servizi speciali per le forze dell'ordine, poiché i suoi sviluppatori affermano di essere in grado di analizzare siti su dark web , un settore Internet afflitto da hacker malintenzionati, spacciatori di droga e altri gruppi di criminalità informatica.

Una cosa che ha attirato l'attenzione degli specialisti della formazione sulla sicurezza dei dati è il fatto che PimEyes è incorporato nell'app mobile di una società chiamata PaliscopeQuesta società offre anche servizi di riconoscimento facciale ad alcune forze dell'ordine, che ha permesso di identificare più sospetti nelle indagini penali. Secondo il suo sito Web, Paliscope ha collaborato con la 4theOne Foundation, un'organizzazione dedicata alla ricerca di minori vittime della tratta.

Problemi di privacy

Sebbene questo strumento sia nuovo e altamente efficace, il suo utilizzo non è privo di critiche. Più membri della comunità della sicurezza informatica considerano PimEyes un impatto significativo sull'esperienza di privacy online di chiunque abbia mai caricato le loro foto su Internet.

Il problema principale è che in PimEyes non esistono controlli di sicurezza per impedire a un utente di caricare sulla piattaforma un'immagine di chiunque, che si tratti di una celebrità, un politico, un amico, un partner romantico e così via. L'uso di questo strumento è molto semplice, quindi nessuno avrebbe maggiori inconvenienti nel trovare dettagli confidenziali di una persona specifica con una semplice ricerca.

Questa non è la prima volta che viene segnalato uno strumento online a causa delle sue avanzate capacità di riconoscimento facciale. Nel gennaio 2020, gli specialisti hanno affermato che il motore di ricerca Yandex (noto anche come "Google russo") ha fornito un sistema di riconoscimento facciale privo di regolamentazione, che sarebbe stato utilizzato per violare la privacy di milioni di persone. Altri strumenti hanno funzionato in modo simile, anche se sono stati sospesi o il loro uso non è più consentito.

A questo proposito, Brian Higgins, specialista della formazione sulla sicurezza dei dati di Comparitech, afferma che il sito presenta ovvi e seri inconvenienti di sicurezza:

"Dubito seriamente che gli sviluppatori siano abbastanza inesperti da credere che il loro strumento venga utilizzato solo con buone intenzioni", dice.

Higgins aggiunge che l'esistenza di tali piattaforme continuerà a rappresentare un rischio per la sicurezza degli utenti di Internet:

“Anche se gli sviluppatori di PimEyes fossero costretti a chiudere le loro operazioni, alla fine appariranno dozzine di strumenti simili. L'unica vera protezione, e che è nelle mani di ogni persona, è che iniziamo a prendere sul serio la nostra privacy online in modo che Internet conosca il minor numero possibile di informazioni su di noi”.

La privacy degli utenti di Internet è un diritto e le aziende, le organizzazioni pubbliche e le forze dell'ordine dovrebbero compiere maggiori sforzi per migliorare questa esperienza piuttosto che consentire agli strumenti di violare la privacy degli utenti.

Posted on