Quando usare Nofollow nei collegamenti?

Sebbene l’attributo nofollow sia stato lanciato nel 2005, sembra essere ancora oggi la causa di un certo  livello di confusione nel settore SEO.

Il che è un po’ strano, considerando che Nathan Johns di Google ha recentemente affermato a SMX West che il nofollow non è cambiato da quando è stato implementato.

Quindi, in questo articolo SEO, cercherò di aiutarti a chiarire che cos’è esattamente l’attributo nofollow, a spiegare il valore dei link nofollow e poi a controllare quando dovresti e non dovresti usare nofollow sui link.

La storia di Nofollow

Iniziamo con un po’ di storia di nofollow.

Nei primi anni 2000, tutti quelli che facevano SEO sapevano che i collegamenti facevano parte dell’algoritmo di Google. Quindi, per indicizzare meglio, tutti hanno abusato dei link.

Era tutto basato sulla quantità. Le persone hanno creato collegamenti in ogni modo possibile, inclusi i commenti dei blog.

Con lo spam dei commenti in aumento, Google ha deciso di lavorare ad una soluzione.

Il risultato era l’attributo nofollow o meglio <rel = "nofollow">.

L’idea era questa, si potrebbe usare questo attributo per segnalare a Google che non si conteggiasse questo link durante la valutazione per l’indicizzazione di un certo link in entrata al tuo sito.

Originariamente Nofollow doveva essere usato per “ovunque gli utenti potessero aggiungere link da soli“.

Successivamente, Google voleva che si usasse per i link a pagamento e ovunque tu avessi il controllo totale sul link.

Alla fine, Google ha iniziato a penalizzare le persone che avevano troppi link che indicavano loro si trattassero di link considerati “innaturali” (ad esempio, directory, scambi di link, comunicati stampa, post degli ospiti).

Ciò che tutto questo però ignora è che i collegamenti sono gli elementi costitutivi fondamentali del World Wide Web, che è stato inventato dallo scienziato del CERN britannico Tim Berners-Lee 28 anni fa a questo mese.

Prima dei motori di ricerca, gli utenti che trovavano nuovi siti, lo facevano seguendo i link. Ma poiché la maggior parte della gente che inizia l’utilizzo del web oggi parte con il motore di ricerca (benché sia ​​rapidamente superato dai social e dalle app), Google si sente perfettamente a suo agio nel dettare come dovremmo collegarci l’uno con l’altro.

Come probabilmente puoi pensare, non sono un fan di questa regola. Credo che le interazioni dovrebbero essere naturali; che i siti che forniscono esperienze e traffico di alta qualità dovrebbero essere in grado di collegarsi a chiunque in qualsiasi modo a loro piacimento.

Se il tuo sito non fa queste cose, allora hai altri problemi oltre il tipo di attributi di link da utilizzare.

I collegamenti Nofollow hanno valore

I link Nofollow non passano PageRank. Pertanto, l’uso di un link nofollow significa che il collegamento non passerà PageRank (una misura di Google della quantità e della qualità dei collegamenti) a un’altra pagina.

Ciò significa, da un lato, che Google non può penalizzarti per il collegamento a un sito che è noto per essere un sito di bassa qualità. Inoltre non possono penalizzarti per aver collegato troppo (sì, in realtà in passato è successo).

D’altra parte, questo significa anche che un link dal tuo sito non ha alcun valore per altri siti, il che significa che è molto meno probabile che ti includa negli annunci di nuovi prodotti a meno che tu non abbia già una vasta base di utenti.

Molti dei siti più grandi (ad esempio, CNN, NFL) ora posizionano nofollow su tutti i loro link in uscita. Ciò significa che un link sul loro sito non ha valore per il PageRank. Tuttavia, i collegamenti da questi siti hanno ancora un valore elevato a causa della qualità e delle dimensioni della loro base di utenti.

Non dimenticare mai: anche un link nofollow ha un valore, perché offre ai potenziali visitatori l’opportunità di visitare il tuo sito e aumentare la consapevolezza. Anche una menzione su un sito senza un link è preziosa per aumentare la consapevolezza, figuriamoci con un link.

Tutto ciò suona confuso? Bene. Perchè di fatto lo è.

Non ci sono regole rigide da applicare quando si decide di collegarsi ai siti.

Tuttavia, ciò che segue sono alcune buone linee guida per quando utilizzare i link nofollow e quando consentire i collegamenti naturali.

Quando usare i collegamenti Nofollow

Sempre nofollow:

Link nei commenti o nei forum

Qualunque cosa abbia contenuto generato dall’utente è probabile che sia una fonte di spam. Anche se attentamente moderato, le cose scivoleranno via.

Ho combattuto più di un’azione manuale contro lo spam generato dai contenuti degli utenti su alcuni forum molto affidabili gestiti dai miei clienti. Scivola anche se nofollow. Ma se non lo fai, il tuo combattimento con lo spam sarà molto più difficile e più diffuso.

Pubblicità e link sponsorizzati

Tutti i link che sono intesi come pubblicità o che fanno parte di un accordo di sponsorizzazione devono essere segnalati.

Ciò significa contenuti sponsorizzati, pubblicità di testi e immagini e collegamenti run-of-site.

Collegamenti nei comunicati stampa

Sono stati troppo usati e abusati.

La maggior parte dei siti di comunicati stampa ora annulla tutti i collegamenti per impostazione predefinita.

Link a pagamento

Se si addebita in qualsiasi modo un collegamento (invio di elenchi, valutazione della qualità, recensioni, ecc.), utilizzare questo tipo di collegamenti in uscita.

Collegamenti senza nofollow in questi casi

La vera difficoltà arriva nella valutazione dei link editoriali.

Sottotitoli degli autori per i post degli ospiti

Questo è valido solo se il post del tuo utente è qualcuno che hai registrato, che pubblica spesso sul tuo sito e il cui sito è uno di cui ti fidi.

Anche in questo caso, consenti ai tuoi autori di includere un singolo link e accerta che il testo di ancoraggio sia o il proprio nome o il nome della propria azienda. La ragione per fare questo è che molti autori stimabili preferiranno pubblicare su siti che offriranno loro un link al loro sito aziendale in cambio di ottimi contenuti.

Link agli intervistati

Se stai intervistando una celebrità o un esperto in materia, va bene collegarsi al sito di quella persona.

Ancora una volta, usa il testo di ancoraggio (il testo collegabile) del loro nome o della loro ragione sociale per essere sicuri, ma fornire un link in cambio del loro tempo è il minimo che puoi fare e ti aiuterà a fare delle interviste con altre persone importanti in futuro.

Ma fai attenzione: se intervisti persone ogni settimana, se intervisti molte persone di cui nessuno ha mai sentito parlare, o se intervisti qualcuno che è noto per praticare opere di ombreggiamento nel proprio sito, qualunque di queste situazioni potrebbe essere una in cui dovresti usare nofollow nel link.

Collegamenti nel contenuto editoriale

Questi sono collegamenti editoriali legittimi:

  • Se stai fornendo una revisione imparziale e non compensata di un prodotto o di uno strumento.
  • Se stai citando un altro articolo come fonte.
  • Se parli di un’associazione positiva che hai con un altro sito.

Questi siti / risorse meritano il collegamento in quanto citati.

Ma fai attenzione: se scrivi molti post di recensioni, se ricevi qualcosa gratuitamente in cambio della revisione, o se scrivi un post solo su un prodotto o servizio senza confrontarlo con altri. Queste sono tutte bandiere rosse per Google e potrebbero iniziare a visualizzare i tuoi post come contenuti “sponsorizzati”.

Questa non è una lista esaustiva

Duane Forrester, ex di Bing, una volta disse che l’unico vero collegamento era quello che non sapevi di avere.

Anche se questo è un po’ ingenuo, considerando i molti diversi tipi di accordi di collegamento in rete, è una buona linea guida per gli editori.

Se stai scrivendo un articolo e il sito a cui ti colleghi non sapeva che ne avresti parlato in anticipo, probabilmente è giusto mantenere questo link in grado di esser seguito.

Penso che vada bene anche se decidi di menzionare qualcuno e tu lo avvisi prima del tempo, “Ehi, se cito la tua idea nel mio articolo? Ti darò credito.

Come vedi ho fornito un link al blog personale di Forrester qui sopra. Dato che non è più con Bing, non ha senso collegarsi a loro, ma voglio dargli credito.

Conclusioni

Sono sicuro che questo articolo ha reso il nofollow, quando usarlo (e quando no), chiaro come il fango.

Il mio miglior consiglio per la scelta: essere il più naturale possibile.

Se vuoi collegarti al sito e non sentire alcuna pressione o obbligo di farlo, vai avanti tranquillo. Se ricevi denaro in cambio o non ritieni che il sito meriti il ​​link seguente, fallo diventare nofollow.

Avvia una discussione su questo tema per coinvolgere i lettori con le tue opinioni