Tecnologia di sicurezza dell’Airbus: tragedia GermanWings

Tecnologia di sicurezza dell’Airbus: tragedia GermanWings

Evito qualsiasi genere di racconto di cronaca, visto il tema di questo sito, ma non si può non intervenire alla discussione mondiale #GermanWings, con tutti i dubbi ancora da colmare. Il racconto del suicidio, oppure dell’omicidio volontario, ma la tecnologia dell’Airbus dove era in quel momento? Vediamo come Spcnet.it interpreta ciò che le prime agenzie di stampa stanno cercando di diffondere in tutte le lingue.

Secondo noi serve chiarezza anche per questo, pure se ancora nessuno ne parla.

Sicurezza a bordo

Il sistema sugli Airbus prevede che dopo l’inserimento del codice passino 30 secondi prima che la porta sia sbloccata per 5 secondi, entro i quali bisogna entrare, ma dall’interno si può impostare un blocco di 5 minuti per impedire l’ingresso. Non è chiaro se questo sistema fosse presente sull’A320, né se fosse funzionante regolarmente. Il fatto che, secondo le fonti, il pilota bloccato all’esterno abbia bussato invece di usare il comando sulla tastiera numerica fa ipotizzare che qualcosa non stesse andando come previsto dalle procedure standard.

Posted on

Author L'autore

Dario Fadda alias {Nuke}

Da sempre appassionato di informatica e del mondo open-source nel 2003 ho fondato il portale Spcnet.it per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo dei computers, con particolare attenzione alle tematiche di Sicurezza informatica, Malware e Ransomware, ma anche guide di Programmazione e utili suggerimenti per tutte le fasce di interesse.
Dal 2006 sono membro del Gulch (Gruppo Utenti Linux Cagliari), con cui cerco di dare il mio contributo attivo per eventi e LinuxDay.
Su Twitter segnalo e condivido nuovi Phishing pericolosi con approfondimenti sul Bank Security.

Ho ideato Hacker Alert per effettuare ricerche di vulnerabilità e phishing in tempo reale.

Praticamente per tutto ciò che scopro e che è degno di nota ne condivido il codice sorgente su Git Hub.
Per tutto il resto c'è Dario Fadda .it che contiene "quasi" tutto di me.