The Fappening: perché continuano ad apparire rivelazioni di foto sexy

La saga del Fappening è iniziata nel 2014 quando gli hacker sono riusciti a violare gli account iCloud di decine di celebrità solo per rubare contenuti privati ​​che alla fine hanno raggiunto il web su un numero crescente di mirror, rendendo praticamente impossibile cancellarli.

Foto a raggi X, video di nudo e messaggi privati, tutti estratti da account hackerati, che mostrano ancora una volta quanto sia importante non dimenticare i metodi di hacking più semplici e utilizzare sempre, ma sempre, password complesse che non dovrebbero essere condivise con nessuno.

Nonostante gli hacker coinvolti nella violazione Fappening sono già stati arrestati, continuano a verificarsi perdite di foto di nudo in questi giorni, di più star in tutto il mondo che vedono i propri contenuti privati ​​diventare pubblici e accessibili a milioni di utenti Internet.

Questa settimana, ad esempio, sono uscite delle foto di Drake Bell, poche settimane dopo che i racconti di Peter Andre e della moglie Emily, Blac Chyna e Charissa Thompson sono stati violati e che i loro file ebbero lo stesso destino. Penseresti che le celebrità prestino maggiore attenzione ai loro dati dopo lo scandalo degli hacker del 2014, ma a quanto pare, questo non sta accadendo. E come la vedo io, tutto si riduce a solo tre diversi motivi di base.

Miley Cyrus is one of the celebs whose accounts were hacked

Miley Cyrus è una delle celebrità i cui account sono stati violati

Le persone continuano a scattarsi foto nude

I furti di nudo avvengono praticamente perché il contenuto nudo in primo luogo esiste. È vero, gli hacker riescono a violare gli account delle celebrità, ma se nel cloud non viene memorizzato nulla che valga la pena di rubare, in realtà non può verificarsi alcuna perdita imbarazzante.

Ci sono probabilmente dei motivi per scattare queste foto e questo articolo non dovrebbe giudicare nessuno, ma se le foto per adulti esistono, in primo luogo, non dovrebbero essere conservate con un dispositivo connesso a Internet o con un sistema in cloud, cioè già effettivamente in Internet. Se lo sono, assicurati almeno che sia sicuro e che i dati siano in qualche modo protetti.

Sfortunatamente, i clienti ripongono troppa fiducia nel modo in cui le aziende gestiscono i propri dati e trascurano anche le pratiche di sicurezza più basilari, lasciando i propri dati esposti e facilitando in misura maggiore o minore tali violazioni.

Questo non significa necessariamente che il cliente è l’unico ad avere la colpa di tutto, ma sicuramente svolgono un ruolo chiave in questa intera saga di hacking.

Charissa Thompson's photos were stolen earlier this year as well

Le foto di Charissa Thompson sono state rubate all’inizio di quest’anno

I metodi di hacking sono più complessi

D’altra parte, gli hacker si stanno anche rivolgendo a tecniche più complesse per rubare le credenziali e ottenere l’accesso agli account cloud che memorizzano queste foto.

La maggior parte delle violazioni di Fappening si sono verificate con frodi di phishing che hanno comportato l’invio di e-mail legittime e la richiesta di reimpostazione delle password. Gli hacker hanno ospitato pagine apparentemente supportate da Apple su server di terze parti e hanno spinto le celebrità a inserire le proprie credenziali, per poi rubarle, accedere agli account ed estrarre i dati memorizzati nel cloud.

Le e-mail di phishing sono sempre più avanzate e potrebbero fare affidamento su metodi aggiuntivi per renderle più difficili da rilevare. Questo è il motivo per cui è fondamentale controllare sempre due volte prima di inserire i nomi utente e le password sui siti Web.

Inoltre, vale la pena ricordare che le società madri, come Apple e Google, non chiedono mai la tua password, quindi se ricevi tale email, c’è la possibilità che si tratti di un tentativo di phishing.

Taylor Swift was a victim of the original batch of the Fappening leaks

Taylor Swift fu vittima dell’esordio delle perdite di Fappening

Gli utenti non si preoccupano della loro sicurezza

La terza ragione è più o meno derivata dalle altre due perché, come ho detto prima, gli utenti di Internet non si preoccupano troppo o non si preoccupano affatto della loro sicurezza online.

Ma quando sono coinvolti i dati sensibili, come il contenuto hard, i dettagli della carta di credito o semplicemente informazioni personali, non c’è dubbio che almeno i metodi di precauzione di base dovrebbero essere presi in considerazione.

Ad esempio, la maggior parte delle perdite di Fappening si è verificata perché le foto e i video per adulti sono stati caricati sul cloud come risultato di un’impostazione predefinita sugli iPhone utilizzati dalle celebrità per registrare questo contenuto. Per impostazione predefinita, l’iPhone esegue il backup dei dati su iCloud per ovvi motivi, ma quando le credenziali sono compromesse, è chiaro che anche questi dati sono esposti.

Disabilitare semplicemente questa funzione avrebbe garantito, alle celebrità le cui foto sono state trapelate, nessun tipo di danno. La semplice disattivazione dei backup di foto di iCloud è solo questione di secondi, il che dimostra quanto poco importa delle loro foto private.

Alla fine, perdite come queste continueranno senza dubbio ad accadere perché le tre ragioni, che sono le più inclini a questi fatti, menzionate sopra, continueranno per molti anni in futuro. L’unico modo in cui possono essere prevenuti è che le stesse società tecnologiche sviluppino metodi più avanzati per evitarli, anche se è ovvio che senza l’aiuto degli utenti, praticamente tutto diventa inutile quando si combatte contro gli hacker.

Avvia una discussione su questo tema per coinvolgere i lettori con le tue opinioni