Cover Image

Trapelati 90mila dati di riconoscimento facciale semplicemente guardando una partita

Un insolito incidente di sicurezza informatica potrebbe compromettere quasi 100.000 persone. Lo scorso gennaio, oltre 90.000 fan si sono presentati per una partita di football del college, tenutasi al Rose Bowl di Pasadena, in California.

Attraverso un sistema di riconoscimento facciale, una società tecnologica avrebbe registrato le identificazioni di ciascuno dei fan, acquisendo dati come età, sesso, precedenti penali, tra gli altri, il tutto senza il consenso dei partecipanti all'evento.

Un rapporto rivelato da Fox News afferma che mentre i partecipanti all'incontro tra Oregon Ducks e Wisconsin Badgers erano alla ricerca dei rispettivi posti, un sistema composto da almeno quattro sofisticate telecamere nascoste registrava con attenzione tutti. Queste telecamere appartengono alla società con sede a Philadelphia VSBLTY.

Apparentemente, queste telecamere hanno cercato i volti dei fan, oltre a cercare dettagli personali: "Questo è un atto preoccupante e illegale", dice uno dei partecipanti all'evento.

"Non avevo idea che stessero usando quel tipo di tecnologia nel gioco, né mi informarono che sarebbe stato analizzato da quella tecnologia", ha detto Benjamin Mercke in California a un ricercatore sulla piattaforma di notizie OneZero.

A questo proposito, la società di Filadelfia spiega che le telecamere non intendevano causare paura o danni alle persone che hanno partecipato all'evento. Un rappresentante VSBLTY sostiene che questo era solo un esperimento per l'analisi del pubblico il cui unico scopo era quello di ottenere le informazioni necessarie per migliorare l'esperienza del consumatore dei fan: “La raccolta di dati in questo tipo di evento, in combinazione con le tecniche di apprendimento automatico, può aiutare a migliorare il efficienza operativa e logistica di luoghi come questo” ha citato il rappresentante.

La compagnia ha anche detto che le telecamere sono state utilizzate solo durante il tragitto verso lo stadio, in particolare nell'area nota dove si è tenuto il "fan festival". Indipendentemente dagli scopi perseguiti dalle aziende, è estremamente preoccupante che gli utenti non vengano informati di queste attività, ha aggiunto Mercke.

Questa settimana, la comunità della sicurezza informatica ha riferito che Microsoft, che offre un sistema di riconoscimento simile ad alcune forze dell'ordine, smetterà presto di fornire tali servizi, quindi le forze di polizia dovranno ricorrere a metodi investigativi tradizionali o creare i propri strumenti di riconoscimento facciale:

“Noi ci siamo concentrati su questo aspetto per due anni e alla fine abbiamo deciso che non venderemo la tecnologia di riconoscimento facciale ai dipartimenti di polizia negli Stati Uniti, almeno fino a quando non avremo una legge nazionale che ne regolerà l'utilizzo con l'adesione ai diritti umani".

L'autore

Dario Fadda alias {Nuke} | Author
Da sempre appassionato di informatica e del mondo open-source nel 2003 ho fondato il portale Spcnet.it per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo dei computers, con particolare attenzione alle tematiche di Sicurezza informatica, Malware e Ransomware, ma anche guide di Programmazione e utili suggerimenti per tutte le fasce di interesse.
Dal 2006 sono membro del Gulch (Gruppo Utenti Linux Cagliari), con cui cerco di dare il mio contributo attivo per eventi e LinuxDay.
Su Twitter segnalo e condivido nuovi Phishing pericolosi con approfondimenti sul Bank Security.

Ho ideato Hacker Alert per effettuare ricerche di vulnerabilità e phishing in tempo reale.

Praticamente per tutto ciò che scopro e che è degno di nota ne condivido il codice sorgente su Git Hub.
Per tutto il resto c'è Dario Fadda .it che contiene "quasi" tutto di me.

Currently there are no comments, so be the first!
intopic.it