Ubuntu o Kubuntu: punti di forza e di debolezza

Prima di pubblicare il mio giudizio, ho fatto del mio meglio per raccogliere con precisione i dati relativi alle prestazioni, incluso il livello di stabilità del sistema operativo, anche se non portando le prestazioni proprio all’estremo. Ho seguito i seguenti “protocolli” per raggiungere questi obiettivi:

  1. Ho installato tutti i sistemi operativi, oggetto di analisi, sullo stesso hardware (ovviamente).
  2. Ho una singola partizione creata per il solo scopo di sperimentare nuove distribuzioni GNU / Linux. Tutte e tre le distribuzioni sono state installate qui, una dopo l’altra.
  3. Prima di installare ogni sistema operativo, ho cancellato saldamente la partizione in modo che inizi e finisca con settori “puliti”.
  4. Dopo l’installazione, lascio che il nuovo sistema installato venga avviato 5-6 volte per consentire alle cose di stabilizzarsi (perché ci sono alcune applicazioni e soprattutto utilities come ‘ureadahead’ – uno strumento che velocizza notevolmente i tempi di avvio di Ubuntu – che richiedono un paio di riavvii per funzionare correttamente).
  5. Ho provato a non toccare (tipo trucchi manuali e accorgimenti tweaks, etc) niente nel sistema operativo.
  6. Per migliorare ulteriormente l’accuratezza di ciascun test, ho preso cinque campioni.
  7. Poi ho valutato il riconoscimento hardware e la stabilità. Per valutare la stabilità, ho assicurato di utilizzare il sistema operativo appena installato come mio principale sistema operativo per un po’ di tempo, per almeno due giorni. In questo caso ho eseguito Ubuntu 16.04 LTS per circa 5 giorni e Kubuntu 16.04 LTS per circa 2 giorni.

Questa la presentazione del mio computer desktop utilizzato per il test:

Intel Core i3-2330M CPU, Intel HD 3000 GPU, 4GB RAM (DDR3),
Toshiba 7200 RPM (320GB) SATA HDD, Intel N-1030 Wireless adapter,
Realtek network adapter ('RTL8168'), LED display with 1366x768
resolution (60Hz/60FPS). It's a Dell Vostro V-131 notebook.

K-buntu 16.04 LTS installer

Ubuntu 16.04 LTS usa un installer chiamato ‘Ubiquity’. E come ho già detto molte volte, questo è uno degli installer più affidabili e intuitivi in circolazione. In tutti questi anni di test, non mi ricordo nemmeno un singolo problema importante che mi è venuto incontro durante il suo utilizzo.

D’altra parte Kubuntu 16.04 LTS utilizza un altro installer chiamato ‘Calamares’. Viene utilizzato da molte distribuzioni basate su KDE (Kubuntu, KaOS, Manjaro, Netrunner ecc.). Proprio come ‘Ubiquity’ è anch’esso un programma incredibilmente intuitivo, ma purtroppo, parecchie volte, ho incontrato un grosso problema con questo installer che ha reso quasi impossibile installare il sistema operativo senza ricorrere ad espedienti alternativi.

Ciò che succede è che l’installer si blocca completamente in ‘Setup tastiera’ e interrompe l’installazione. L’ho incontrato la prima volta nel 2014 mentre stavo esaminando Netrunner 14 Frontier. Ho affrontato questo problema anche con un precedente rilascio di Kubuntu (15.04, credo). Ma la cosa interessante, ho usato poche altre distribuzioni GNU / Linux basate su KDE che utilizzavano Calamares, e Calamares funzionava bene in tutte quelle occasioni. Ma con Kubuntu 16.04 LTS questo è accaduto ancora una volta, come si può vedere dallo screenshot qua sotto.

Se incontri questo problema, il modo per risolverlo è questo. Assicurarsi che il computer non sia connesso a Internet (disattivare Wi-Fi, 3G, ecc.). Quindi riavviare il computer e riavviare il programma di installazione. Quando si arriva a impostare la Zona temporale, lasciare l’area di tempo predefinita senza modifiche.

Poi, quando si arriva a impostare la tastiera, assicurati di non modificare nulla. Questo dovrebbe risolvere il problema (ha funzionato per me nelle passate occasioni e ha funzionato anche questa volta).

Sicuramente questa volta l’installer non sarà in grado di rilevare automaticamente il tipo di Time Zone, il linguaggio e il tipo di tastiera, ma è possibile correggerlo semplicemente cambiandoli dalle “Impostazioni di sistema” dopo l’installazione dell’OS in ogni caso.

Ritengo che questo sia un problema importante?

Ovviamente! Dopo tutto questo è un rilascio di LTS in cui la stabilità e la sicurezza superano altri elementi “emozionanti” (software aggiornato, importanti nuove funzionalità, ecc.). Sono stato fortunato a trovare un modo per aggirarlo, ma un nuovo utente ‘Linux’ non avrebbe avuto neppure una possibilità a parer mio.

Boot-Up Speed

Come si può vedere, Ubuntu 16.04 LTS è il più veloce da avviare, battendo entrambi Kubuntu e Ubuntu GNOME rispettivamente del 35% e del 29.5% .

Personalmente, ad eccezione di Ubuntu GNOME, non sono sorpreso da queste letture. Kubuntu (o la maggior parte delle distribuzioni basate su KDE in genere) non è mai stato così veloce durante l’avvio. Al suo credito, tuttavia, Kubuntu 16.04 LTS si piazza il 21% più veloce rispetto al suo predecessore, Kubuntu 15.10.

Mi sono imbattuto in un problema che ha rallentato enormemente Ubuntu GNOME 16.04 LTS e ho buone ragioni per credere che sia il problema di plymouth (lo strumento che visualizza il boot-logo). Quello che è accaduto è che, proprio 6 volte su 10 (sì le ho contate) quando l’avvio, plymouth non è riuscito a mostrare il logo di avvio grafico di Ubuntu GNOME ma solo uno schermo nero. Quando questo accade, il processo di avvio si blocca per circa 15-17 secondi! Dopo questo lungo e agonizzante ritardo, il sistema comincia a ricominciare da dove è partito. E, giustificando il mio sospetto, quando questo accade in un periodo molto breve dopo l’accesso al desktop, ottengo un errore che dice che ‘plymouth’ si è chiuso inaspettatamente.

Ma 4 di quei dieci tempi in cui il plymouth non manca di mostrare il logo di avvio, Ubuntu GNOME 16.04 LTS inizia molto velocemente. Secondo i miei numeri, i tempi di avvio erano sempre da 32 secondi a 34 secondi, molto vicini ai tempi di avvio di Ubuntu 16.04 LTS. E ha senso anche perché a differenza di Kubuntu, sia Ubuntu che Ubuntu GNOME hanno tanto in comune. Non solo sono tutti basati su Ubuntu Core, ma Ubuntu e Ubuntu GNOME condividono le stesse applicazioni desktop e Unity utilizza anche molte tecnologie GNOME per la sua shell di desktop.

Comunque, tornando al problema, sì, ho provato ad aggiornare il sistema, ma il problema è ancora lì. È questo un grosso problema? No, non necessariamente. Ma sempre tenendo presente che questo è un rilascio di LTS, questi tipi di problemi possono essere frustranti da quel punto di vista.

Utilizzo della memoria

Kubuntu 16.04 LTS ha utilizzato la minima quantità di memoria rispetto a Ubuntu 16.04 LTS ( 3.1% ) e Ubuntu GNOME 16.04 LTS ( 10.5% ). Anche Kubuntu è stato impressionante rispetto al suo predecessore dove l’utilizzo della memoria è aumentato solo di una piccola quantità ( 3% ), dove sia l’utilizzo di memoria di Ubuntu ( 48.1% ) e Ubuntu GNOME ( 66% ) sono aumentate di molto rispetto ai loro predecessori.

Uso del CPU in modalità standby

Un buon sistema operativo al minimo dovrebbe mantenere l’utilizzo della CPU intorno a zero, anche se non c’è niente che il sistema operativo possa fare se un programma buggy mangia la CPU. L’utilizzo ridotto della CPU al minimo indica inoltre un minor consumo energetico.

Sono felice di dire che entrambe le distribuzioni di Ubuntu hanno fatto molto bene il loro lavoro. Come si può vedere, al minimo l’utilizzo della CPU era molto vicino a zero e rimase così per lunghi tempi.

Ubuntu 16.04 LTS:

Kubuntu 16.04 LTS:

Hardware e ACPI

Devo ammettere che l’hardware sul mio desktop è tra i più ‘Linux friendly’. In particolare, Ubuntu è stato in grado di installarli molto bene nella mia esperienza. E non è un’eccezione questa volta, perché tutte le distro di Ubuntu sono state in grado di riconoscere e configurare correttamente il mio hardware (ad eccezione del lettore di impronte digitali, non ha mai funzionato completamente su GNU / Linux. !). Ma tieni presente quello che ho detto. Il mio hardware è più ‘Linux amichevole’. Pertanto, se si dispone di hardware diverso (ad esempio le GPU Nvidia e AMD / ATI proprietarie, schede audio ecc.), non si può sperimentare lo stesso livello di stabilità che ho sperimentato io.

 Inoltre, per quanto riguarda l’interruzione dell’applicazione, sono stati tutti molto impressionanti, anche in Kubuntu perché KDE non è mai stato estremamente stabile nella mia esperienza. Per i 2 giorni che l’ho usata, neanche una singola applicazione si è schiantata. Kudos agli sviluppatori di KDE.

L’unico inconveniente che ho visto è stato l’incidente “plymouth” che ho citato in precedenza in Ubuntu GNOME, ma anche questo è stato risolto con un aggiornamento molto recente.

Responsiveness del sistema

L’unità disco fisso è il dispositivo di memorizzazione primario di un computer. Ma purtroppo, è anche uno dei più lenti (sia esso un disco rotazionale o un drive dello stato solido) di un computer. Se tutte le letture e le scritture che si verificano in esso non vengono gestite correttamente, il sistema operativo può diventare molto lento e non rispondere. E sto usando un test molto semplice per scoprire come un sistema operativo sia reattivo quando il disco rigido viene sottoposto a stress.

Quello che faccio è semplice. Prima copio un file (di solito circa 1,5 GB) all’interno di due posizioni nella cartella Home dell’utente attualmente connesso. E non appena il sistema operativo inizia a copiare, cerco immediatamente di aprire un file multimediale. Poi, non appena ho fatto doppio clic sul file multimediale, allora utilizzo il menu di avvio (o Dash se è Ubuntu) per cercare e aprire alcuni programmi. E mentre il sistema operativo è impegnato a gestire tutto ciò, cerco di navigare in una cartella che contiene un grande numero di file tramite il file manager.

Se il sistema operativo è stato in grado di aprire la maggior parte dei programmi che ho tentato di aprire, se il file manager risponde bene e tutto il tempo se la riproduzione multimediale non si interrompe troppo (perché dopo tutto, tutto questo mette molta pressione sul sistema operativo) e, inoltre, se il puntatore del mouse non ha perso troppo la sua sensibilità, considero il sistema operativo in modo reattivo.

Ubuntu 16.04 LTS:

Come accennato nella recensione, non è andata bene in un primo momento. In realtà però è andata! Oltre ad una o due applicazioni (tutte quelle leggere), finché la copia non è stata completata, il resto non è stato aperto né il multimediale è stato riprodotto. Ma dal momento che questo è successo a me in passato sotto Ubuntu, ho fatto un semplice tweak al sistema, e ha risolto completamente la situazione. Quasi tutti i programmi sono stati aperti, VLC (l’ho installato manualmente usando ‘apt-get’ in entrambi i sistemi) è stato in grado di aprire velocemente il file multimediale e la sua riproduzione non è mai stata interrotta. Il puntatore del mouse non ha perso la sua sensibilità per tutto il tempo, anche se il tipo di file manager è rimasto bloccato per 2-3 secondi, ma il resto del sistema funzionava normalmente. Alla fine della giornata mi è piaciuta la risposta di Ubuntu 16.04 LTS dopo la correzione.

Kubuntu 16.04 LTS:

Anche il desktop KDE Plasma di Kubuntu ha fatto molto bene, se non meglio! Proprio come il suo predecessore, Kubuntu 16.04 LTS non ha richiesto alcuna manovra manuale. È scivolato dalla scatola 🙂.

Ritardo di arresto

 

Ubuntu 16.04 LTS e Ubuntu GNOME 16.04 LTS hanno (quasi) lo stesso ritardo di arresto. Entrambi hanno superato Kubuntu 16.04 LTS essendo circa il 244% più veloci.

Parole Finali

L’obiettivo principale di Ubuntu LTS è la stabilità e le prestazioni. A questo proposito, Ubuntu 16.04 LTS ha fatto veramente bene. E a livello di prestazioni, l’aumento della memoria è il principale elemento negativo. A parte questo, è molto stabile e come è stato detto nella mia recensione originale, molte delle questioni sottili sono state anche risolte.

Kubuntu 16.04 LTS ha un installer buggy. E ritengo che sia una grande preoccupazione per alcuni utenti finali. Si è schiantato nel mio caso quando ho tentato di cambiare la lingua e la tastiera dalla selezione predefinita. Ma questo non significa che non riesca e si blocca in ogni lingua diversa dall’US inglese. Ancora, è un brutto e molto imbarazzante bug dalla prospettiva degli sviluppatori. Dovrebbero averla provata più approfonditamente. Altrimenti, per quanto riguarda la stabilità del sistema operativo, era eccellente. In termini di prestazioni, rispetto agli altri, è stato lento a avviare e arrestare. Ma rispetto al suo predecessore, le cose sono state migliorate comunque.

Anche Ubuntu GNOME 16.04 LTS aveva un problema. Anche se non è stato grande rispetto al problema di installazione di Kubuntu, ha ritardato il processo di boot-up da circa 15-17 secondi che è stato un po’ irritante. Fortunatamente, è stato risolto con un aggiornamento del sistema. A parte questo, anche lui era molto stabile.

 Ti ho dato i numeri relativi alle prestazioni e ho condiviso la mia esperienza per quanto riguarda la stabilità. La scelta da fare ora è vostra. Ma ancora una volta, ricorda che il mio hardware è abbastanza compatibile con “Linux” per cominciare. Quindi, l’affermazione ‘assolutamente stabile’, beh, prendilo con le pinze. Tuttavia, questo non significa che sia completamente inutile. Perché, ad esempio, il fatto che non ho visto un singolo crash dell’applicazione utente (ad eccezione di Ubuntu GNOME) non ha nulla a che fare con il mio hardware (in alcune situazioni sono responsabili degli arresti anomali). Così, in una certa misura, rimane ancora un’osservazione utile.

Prima di andare verso la pagina di download, inoltre, accertarsi di leggere attentamente le note di rilascio perché contengono informazioni su bug e problemi noti che ti forniscono preziose informazioni su cosa aspettarsi.

Grazie per la lettura e… Enjoy Linux!

Avvia una discussione su questo tema per coinvolgere i lettori con le tue opinioni