Cover Image

Youtuber con milioni di iscritti ha simulato il suo rapimento e ha truffati i suoi fans per 30 mila dollari di riscatto

22 Luglio 2020 - Tempo di lettura: 3 minuti

Tutti gli utenti sono esposti a tentativi di frode via Internet e talvolta queste attività dannose possono provenire da quelle meno previste. Yao Cabrera, un famoso youtuber uruguaiano, è stato accusato di intraprendere una campagna fraudolenta in cui fingeva di essere stato rapito per ottenere denaro dai suoi abbonati.

Il creatore di contenuti, con quasi 7 milioni di abbonati, stava cercando di raccogliere 30mila dollari USD per pagare un falso riscatto in complicità con altri "influencer".

Apparentemente tutto è iniziato su Instagram, dove un gruppo di youtuber ha iniziato a parlare del presunto rapimento di Cabrera, iniziando a chiedere ai loro seguaci donazioni per pagare il riscatto e portarlo via dai suoi rapitori. 

Tuttavia, la campagna è stata supportata solo dalle affermazioni di questi individui, quindi i follower e gli utenti che hanno appreso il problema hanno iniziato a sospettare, accusando coloro che erano coinvolti nel tentativo di truffa. Va notato che i follower di Cabrera e gli altri utenti coinvolti sono di solito molto giovani (circa 10 anni in media), quindi questa campagna avrebbe potuto essere gravemente dannosa.

Jorge Zonzini, uno specialista dei media, è stato uno dei primi utenti a sottolineare la frode di Cabrera:

"Questo è spregevole ovunque tu guardi, questo individuo è perverso", dice Zonzini. "Cabrera è arrivato al punto di cercare di raccogliere migliaia di dollari ingannando il suo pubblico, composto principalmente da minori."  

Finora non si conoscono ulteriori dettagli sul presunto rapimento di Cabrera e sulla posizione delle accuse di frode. Le altre persone elencate non hanno inoltre rilasciato ulteriori dichiarazioni sulla campagna e viene ignorato se gli abbonati hanno inviato denaro per il riscatto.

Currently there are no comments, so be the first!
intopic.it